Grande Fratello 12. E allora.

Lunedì sera. Serata di Grande Fratello.

Sì, ok, lo so. Ammettere di seguire la dodicesima edizione del Grande Fratello è più imbarazzante che dichiarare di aver votato PdL agli exit polls, che è a sua volta più imbarazzante che scaccolarsi il naso in pubblico, però resta il fatto che sono probabilmente l’unica italiana a seguire ancora il Grande Fratello.

A dire il vero tendo a non guardare la tivvù e stasera, se proprio avessi voluto, ci sarebbe stato anche il Fiorello Show, ma io non posso proprio sottrarmi all’attrazione morbosa che nutro verso quella mediocrità così brutta e insultante da risultare quasi sublime.  

Certo, resta il fatto che il mio subconscio leggermente radical, leggermente chic, leggermente snob, leggermente indie, deve pur darsi degli alibi per smorzare l’imbarazzo e sopravvivere a quest’onta. E dato che, sembrerebbe, noi vagine siamo molto brave a crearci degli alibi per perpetrare i nostri assurdi schemi mentali, il mio intelletto non fa eccezione e si è creato una serie di sovrastrutture per giustificare la comprovata e drammatica fascinazione che subisco per il primo reality show italiano:

1. sono sociologicamente attratta dal degrado umano

2. vivo un forte disordine emotivo

3. ho studiato scienze della comunicazione, quindi guardo la tv spazzatura con un fare da addetta ai lavori

4. intravedo un senso sociale nell’assistere alle vicende proposte ogni anno dal Grande Fratello che, edizione dopo edizione, è in grado di stupirci con pirotecnici crogiuoli di umanità residuali, in un crescendo di violenza para-verbale e sociale deliberata e gratuita, messa in atto da microscopici ego giganteschi. Il tutto in quella che vorrebbe essere una grottesca riproposizione dei cosiddetti “gggiovani d’oggi”, capace di travalicare i confini degli stereotipi peggiori, degli addominali e delle baldracche, spostando ben più in là la nostra sopportazione della bruttezza…il ché fa apparire tutto il resto, la propria vita, indiscutibilmente migliore. 

5. continuo a vivere un forte disordine emotivo

6. guardare il Grande Fratello potrebbe far sentire intellettualmente normo-dotata persino Flavia Vento, ragione per cui, chiunque disponga di una pur minima dignità cerebrale trova inevitabilmente gratificante confrontarsi con gli inquilini della casa più famosa d’Italia

7. (magra soddisfazione…in effetti…)

8. (Facciamo una coletta e impiantiamo un cervello al concorrente Luca Di Tolla)

9. Attraverso un periodo di forte disordine emotivo: sono single, vivo da sola, indosso una vestaglia di pile (pile sarebbe quel tessuto artificiale 100%, totalmente acrilico, a tenuta stagna, che gli esquimesi ormai preferiscono alle pelli d’orso), double face, con una faccia fucsia shocking e un’altra faccia grigio-ginnastica tempesctata di cuoricini gialli e arancioni…roba che se incontrassi Ted Bundy, fuggirebbe terrorizzato…quindi ho diritto di alienarmi con tutto il pattume che voglio (vedi Tipico masochismo femminile).

10. Floriana è meno intelligente di un robot da cucina multifunzione.

11. Sentire le proprie opinioni allineate a quelle di Alfonso Signorini è la giusta espiazione per qualunque essere umano che debba rimettere a posto il proprio karma.

E con questo, un altro lunedì sera giunge al termine.

Una vaginale buonanotte.

Parla con Vagina, Vagina risponde

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...