In cunnilingus veritas

Certe volte me viene er dubbio che forse non dovrei esse stronza, ma lo sono. Che non dovrei esse cinica, che non dovrei esse patetica, che non dovrei esse lunatica e nemmeno così putridamente sentimentale come so. 

E che non vorrei sentirmi superiore. Però me ce sento.

E sì, questa cosa non cambierà mai. Perché sono presuntuosa. E sì, io pretendo tanto. Non la perfezione, perché non ho 13 anni, ma pretendo tanto, perché tanto penso di meritare. Magari me sbajio, ma quelli so cazzi mia. E i conti con la vita, poi, me li farò da sola. E per tutte le volte in cui me so sentita dì che sono “incontentabile”, che nessuno mai potrà appagarmi – che è na frase che continua a risuonarmi nel cervello, ogni giorno – per tutte quelle volte io rispondo: STICAZZI.

Dopo l’ennesima litigata di ieri con McGyver (che sarà il nuovo soprannome del mio ex, McGyver di Deretano), dopo che i miei amici m’hanno vista piagne mentre lui mi inveiva contro al telefono ingozzandosi di un hamburger bruciato fuori e crudo dentro, perché non è manco capace a cucinarsi un cazzo di hamburger,  ecco stamattina me so svejata, per la prima volta, senza sentirmi in colpa de esse na stronza, na presuntuosa e tutte quelle altre cose fantastiche. Famo che sono tutte queste cose, e famo che lo sono serenamente, senza inutili sensi di colpa vaginali, senza impegnarmi in una chirurgia plastica della mia personalità, che non serve a nulla: sono una stronza e mi va bene d’esserlo.

Me so svejata e me so riascoltata, per la prima volta. Ho ripensato a tutto quello di cui mi sono privata, a tutto quello che mi ha frustrata e che mi ha resa infelice – oltre al fatto che essendo dello scorpione non sono felice mai. Ho ripensato a tutto quello che ho atteso invano, ho ripensato alla vita che ho creduto di volere, ho pensato a tutte le esperienze che sono finalmente libera di fare, senza dover render culo e conto a nessuno. Me so svejata pensando che per quanto me riguarda McGyver può scoparsi tutte le deretanesi che vuole e che, anzi, je consijo pure de mette in pratica qualcuna delle cose che gli ho insegnato, che magari a LaQualsiasi je piace deppiù.

Me so svejata e ho pensato che avrei dovuto fà come ho sempre fatto nella vita mia, alla fine di una storia. Andarmi a fà du chiaccihere da n’amico mio, fumare un po’ d’erba, ascoltà musica, parlà, sorridere e, quel che più conta, pijarme un cunnilingus d’un par d’ore, praticato con magistrale sapienza, che non capisci manco più che cazzo ti stia a fà. Però è bello, e tu te dimentichi de tutto er resto. Perché al terzo orgasmo di fila, il resto conta necessariamente meno. E sì, non cancella niente e non guarisce il cuore. Però sticazzi, de sicuro aiuta. E se non c’arriva il cervello, a capì che è finita, ce lo fai capire con la pelle, con gli odori, con i sapori, con un corpo estraneo che ti scivola addosso. E nella tristezza, è dopotutto un dolce capire ed è comunque un morso alla vita, anche se non alla sua parte più succulenta.

Solo che un l’ho fatto, a sto giro. Me so voluta comportà come una persona matura. Ho voluto fermarmi, riflettere sui miei errori, capire cosa avevo sbagliato. Ho voluto guardà negli occhi tutto: la solitudine, la paura, la disperazione, la mancanza. Ho voluto affrontà il dolore, pijiandolo per le palle e incastrandomi sur divano sotto il suo peso. Ho voluto accettarlo, non fingere che non ci fosse. Ho voluto farmi un processo, imputando a me tutta la mediocrità, pur di non darla a lui.

Mò, però, anche basta. Ridiamo alle cose il loro nome e ad ognuno il ruolo che je spetta.

Me spiace: sono una vagina stronza, incazzata e ferita. Per nessun motivo, naturalmente.

30 thoughts on “In cunnilingus veritas

  1. Ti leggo quasi per caso…anche io sono stato mollato da 1 mesetto circa. e leggendo i tuoi post anche se sono un ragazzo e la vivo dall’altra parte la cosa…bè le fasi sono proprio quelle che elenchi tu. E’ davvero difficile superare queste cose….provi a darti al sesso spinto per sentirti superiore all’ex e fare una bastardata…ma quando torni a casa ti manca tutto e ti senti vuoto. Purtroppo esistono solo 3 soluzioni a tutto ciò: 1)alcool (per superare le fasi iniziali e nn pensare) 2) far passare il tempo che tutto cancella sia cose belle che brutte 3) chiodo schiaccia chiodo….se hai la fortuna di innamorarti di nuovo, l’ex diventa il nulla

    Se ti va di parlare ogni tanto la mia email dovresti avercela qua nel contatto che lascio giusto??

    Anche io ho 26 anni….ciao da Francesco!=)

  2. …pare che nella tua ultima frase tu abbia omesso ‘presuntuosa’ e ‘permalosa’, per completare il profilo 😀
    Ma se avessi scritto solamente ‘umana’ avrebbe reso allo stesso modo ed avresti risparmiato aggettivi…

    A Vagì, ripijate che sei gggiovane!!! Sai quanti ne farai stramazzare al suolo adesso?

    1. sono incontinente con gli aggettivi. e quanno ero piccola ero pure peggio.
      mò me trattengo.

      gggiovane è una parola grossa. quanto a ripijarme, farò del mio mejo. ma ho come il sospetto che “lunga ed impervia sarà la via che dall’inferno si snoderà verso il paradiso”.
      Ciao Reb!
      V.

  3. se avessi un mio blog e parlassi di una magistrale pompa di un’ora e mezza mi darebbero tutti del porco, a te fanno i complimenti….maledetto imperialismo clitorideo-vaginale!!! 😛

      1. Sarà anche parziale, ma è un dato di fatto U.U come dice (bene) Bullbé se avessi parlato della stessa cosa ma al maschile, si sarebbe probabilmente alzato un polverone che non finiva più =)

      2. Non sono d’accordo. Il motivo è un altro, secondo me. E cioè i complimenti sono per l’audacia di una donna nello scrivere questo, mentre per un uomo è quasi ordinario….se invece ci fossero mille donne che si esprimono così, e solo un uomo che se ne salta fuori con il desiderio di una pompa di due orette, sarebbe anch’egli apprezzato…forse…comunque sì, è anche vero che gli uomini apprezzano molto una donna che parla di cunnilingus…tanto per cominciare è bello immaginare di farlo no?

  4. sono un ragazzo carino gentile educato e rispettoso, a volte sottomesso alla donna e ho una unica passione, quella di stare sotto ad adorarla mettendomi in ginocchio …prendendomi cura del suo piacere femminile…

  5. Forse non c’entra… ma le donne (per mia esperienza e per lunghe discussioni con amici e colleghi spesso stranieri) NON é MAI CONTENTA.. e non parlo di sesso… parlo della vita in generale.. la donna non riesce mai ad apprezzare appieno ció che ha se lo fa é solo per brevi istanti.
    Sul fatto del sesso.. sono incontentabili fino ad una certa etá… poi soprattutto se si sposano e fanno figli del sesso si dimenticano completamente alludendo scuse tipo… ”sono stanca ho il malditesta ci sono i figli o non lo meriti perché mi hai fatto incazzare”

Parla con Vagina, Vagina risponde

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...