Trans-Gender Emotiva

Non smetto di ascoltare Everybody’s got to learn sometimes, colonna sonora di “Eternal sunshine of the spotless mind” (perché io mi rifiuto di chiamare un film così bello “Se mi lasci ti cancello“).
Ho ricominciato ad ascoltarla ieri sera e non perché io abbia rivisto il film su la7, dove per pura coincidenza lo stavano passando.
Ho ricominciato ad ascoltarla ieri sera e non ho più smesso.
Ho riguardato qualche immagine. Poche, quelle del videoclip, sufficienti per capire che no, che non sono ancora pronta per rispararmelo tutto.
Attualmente sono impegnata in uno slalom sentimentale tra i ricordi. Attualmente sono una trans-gender emotiva.
Vado altrove: senza rabbia, senza foga, senza risentimento, senza pentimento.
Penso a lui. Ogni giorno. E non una volta, o due.
Ci penso come se le mie dita si intrecciassero ancora con le sue, mentre cresco.
Come se il mio palmo potesse plasmarsi sul suo, come se i miei polpastrelli potessero morbosamente indugiare sulla sua pelle, quella che c’è tra un dito e l’altro. Come se, ogni volta che mi va, potessi dargli i baci sul dorso delle mani per impararle a memoria, per trovarci tutta la rassicurazione che non sapevo trovarci più.
Ci penso come se fosse ancora al mio fianco. Come se mi augurasse in bocca al lupo prima di un colloquio. Come se mi dicesse che sono brava, che non devo mangiare schifezze, che devo andare in palestra, che ho la lingua biforcuta, che sono un “uncino nel culo“, che sono divertente, che ho seguito tutti gli step per la presa del potere e l’instaurazione del regime totalitario dell’M.U. (movimento uterino). Ci penso come se potessi ancora ridere con lui. Di me, di noi. E degli altri.
Ma forse, in realtà, abbiamo più litigato che riso. Ma non importa. Ora sono i miei ricordi e basta, sono sola, senza contraddittorio, e ricordo il cazzo che mi pare…
Penso a lui. Ogni giorno. Ma non mi preoccupo.
So che nessuno più saprà analizzare i miei dvd nella colonna come ha fatto lui, la prima volta, a casa mia. Ma so anche che tra qualche tempo, mi sveglierò e non mi importerà nulla. E tutto sarà lontano, proveniente da una vita che non mi apparterrà più.
Ricorderò qualcosa e ciò che ricorderò sarà buono. Perché con lui, io so che del buono c’è stato. O magari dimenticherò e in quel caso sticazzi.
Ma, di solito, quelli dello scorpione non dimenticano.
Penso a lui. Ogni giorno. E non una volta, o due.
Penso a lui ma non mi preoccupo.
Accetto tutti i miei limiti. E non mi forzo. Passerà.
Mi limito ad amare chi c’è.
Il resto passerà. Tutto passa. Lo dico anche a Braciola, tutto passa.
Accetto i ricordi con cui convivo. Accetto la caducità delle relazioni. Accetto l’idea che il confine tra l’amore e la circostanza sia assai più sottile di quanto non si creda.
Accetto di essere terrorizzata dal suo cassetto – come in un horror sentimentale anni settanta.
Accetto di non avere il coraggio di ascoltare “Il Paradiso” rifatta dai Lombroso.
Accetto di non essere pronta a riguardare Eternal Sunshine of the Spotless Mind.
Sono una trans-gender emotiva. E’ come se mi avessero amputato il pisello, ma io mi posizionassi ancora in piedi per pisciare.
Siccome è venerdì, cambio mood.
Il weekend è alle porte.
Che il vostro sia ricco. E piacevole.

20 thoughts on “Trans-Gender Emotiva

  1. Alla fine ci si ricorda delle cose belle. Quelle, se puoi tienile strette.
    Non siamo automi, non abbiamo un interruttore on(niziato)-off(inito).
    Ma guarda avanti, riascolterai sorridendo “Il Paradiso” rifatta dai Lombroso, rivedrai tutto “Eternal Sunshine of the Spotless Mind”, e diventereai “uncino nel culo“ per qualcun’altro che ti apprezzerà in modo diverso, ne migliore ne peggiore. Diverso. E imparerai a conscere ed esplorare un altro dorso di mano e a ridere di altre cose.
    Ma stasera è venerdì (anche se venerdì 13…) esci e stacca la spina.
    E poi se ti capita, se ti va, guardati un altro “sunshine”, “little miss sunshine” che è meraviglioso. Buon venerdì sera, Vagì!! 😉

    1. Dunque Little Miss Sunshine ce l’ho perfettamente presente. Credo anche di averlo visto. Ma di notte. Notte fonda, dev’essere stata. Perché non sono mica convinta. Però ricordo che era adorabile.

      Su tutto il resto grazie. Mi pare siano le parole migliori che si potressero dire.
      Buona giornata 🙂
      V.

  2. Vagina è assente così ne approfitto prima che mi metta il blocco ip e rispondo io al posto suo ahhahhaahah
    alura: Reb-che stai a fa sempre qua tu eh????EH????
    Jean- arimannalo al contrario vedrai che ce stanno i messaggi subbbliminali come gli album dei Baetles
    Smila- se me ne mangio n’altra passo il confine tra la donna panciuta e la cassapanca di mia nonna

    ahahahahh come mi diverto ahahahahahah
    Vaggì abbi pazienza è un brutto periodo pure per me ahahahhaah

    1. Vagì, approfitto del tuo spazio per risondere alla tua pseudo-segretaria virtuale…
      ellè… prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr 😀
      (spero solo di non essere una pizza 😉 eheh)

  3. Mi piace molto quella storia del confine sottile tra l’amore e la circostanza, sono pienamente d’accordo… Bel blog, davvero; e bel post(o) dove passare, leggere, ridere e sorridere (di noi – esseri umani).
    Questo film l’ho visto ieri (per puro caso); mia sorella mi ha fatto notare che l’altro ieri lo davano su Sky; poi, aprendo un raccoglitore di cd, m’accorgo d’averlo masterizzato (era il 2006). Ormai me lo ritrovo ovunque…sto film…

  4. mi sono ostinata a guardarlo e riguardarlo all’infinito convinta che sarebbe arrivato il momento in cui ne avrei gustata la bellezza senza rimanerne emotivamente danneggiata, ma non è mai successo. è un film che mi sconvolge sempre, se non altro perchè è direttamente associato a un (non proprio)ex che non smetterà mai di mancarmi. Tra l’altro, questo (non proprio)ex me lo ricordi parecchio: gusti musicali, cinematografici, locali frequentati.. che vabbè, sono anche i miei gusti.. ma son quasi gelosa, chissà che non lo conosca pure te, ma non ci tengo a risolvere l’enigma..

Parla con Vagina, Vagina risponde

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...