Sindrome da Rampantismo Vaginale

Sto lavorando un sacco in questi giorni, che sarebbe la traduzione forbita di ciò che di solito intendo quando uso espressioni come “mi stanno aprendo il culo” o “mi sto facendo il culo a paiolo“, posto che esiste anche la versione “culo a tarallo“, che è molto in voga dalle mie parti ma che qui, implicando l’idea dei carboidrati, non credo possa essere compresa.

Sto lavorando un sacco e, tra isterismi vaginali, illogicità e battibecchi, di fatto sto partorendo, allevando e vedendo prender forma a una caterva di attività molto fiche (quale sia il mio lavoro non è dato saperlo, se anche lo dicessi, non si capirebbe). Ma io, che sono terrona inside, ho sempre paura di dire che sono contenta, o che sto bene, o che – effettivamente – sto seguendo dei progetti che dopano il mio ego al limite della molestia. Ho sempre paura di dirlo perché una delle poche cose in cui credo è che la gufata sia sempre in agguato, nascosta dietro un volto apparentemente cordiale. Quindi, come dire, ostento le mie piccole e insignificanti soddisfazioni solo con quelle persone che sono sicura, ma proprio sicura, mi vogliano bene. Del resto, sono cresciuta con la Vagina Maestra che m’ha insegnato che se c’è una cosa di cui aver paura è l’invidia (salvo che non ho mai capito cosa minchia potesse esserci da invidiare in me), per essere brutalmente scalzata un decennio dopo da Manuel Agnelli che m’ha insegnato che “se c’è una cosa che è immorale è la banalità”. E anche con la Vagina Maestra della Vagina Maestra, la meta-vagina, se vogliamo, che quando ero un’infante mi toccava la fronte bisbigliando delle cose che non capivo. Pare mi facesse il malocchio. Non che mia nonna fosse una fattucchiera del ‘400, ci tengo a precisarlo. Tuttavia io, che sono sua nipote, resto piuttosto scaramantica, come dire.

Per esempio, sentimentalmente: anni addietro, se vivevo un periodo LEGGERMENTE più sereno, in coppia, e mi concedevo il lusso di dirlo, di farne menzione, solo sotto specifica domanda del tipo: “Ma come va  con cazzetto3?”, ecco, se osavo rispondere qualcosa come “Ma bene, è un periodo sereno, stiamo molto peace & love” era sostanzialmente dimostrato che di lì a 5 ore avrei scoperto un paio di corna fotoniche con una tardona di Novara o con una psico-modella di paese con due nespole al posto degli zigomi. Solo ora, tuttavia, a distanza di anni, mi rendo conto che probabilmente era solo dio che mi puniva per aver usato l’espressione “peace & love“.

Ad ogni modo, dicevo, ho imparato a non espormi mai più di tanto, a non credere alle cose belle finché non c’ho fatto all’amore e anche un po’ di coccole brutali dopo. Ho imparato a condividere il buono solo con chi sa ascoltarmi quando parlo e guardarmi mentre parlo. Ma ho impato talmente bene che quando la gente mi chiede, così, per cortesia: “Come va?”, io non riesco a rispondere “Bene“.

Anche perché, tecnicamente, mi capita 1 volta a semestre di pensare che le cose vadano bene. Per iscritto riesco ancora a mentire, a scrivere “A me tutto bene, a te?”, ma a voce non ce la faccio proprio. Cioè, potrei più agevolmente sopravvivere a 5 minuti di cross trainer in palestra, piuttosto che rispondere “bene” quando la gente mi chiede come sto. Non è che io stia male. Ma non sto nemmeno bene. Allora, per onestà intellettuale estrema, che però non sfoci nell’antisocialità, ho elaborato una serie di risposte creative, tendenzialmente false ma che donino una venatura cupa all’ottimismo ipocrita della risposta. Per esempio: “Mah…abbastanza bene”, “Mah…piuttosto bene, grazie”, “Mah…discretamente, dai”, “Normale”.

Mi capita di rispondere “Benissimo”, solo se sto davvero di merda.

In sostanza, come tutti, non dico mai la verità. Nessuno dice mai la verità. Solo una volta mi è successo di chiamare una persona, un cazzetto, per lavoro, e di chiedergli a inizio telefonata “Come va?”, per sentirmi rispondere “Abbastanza demmerda, grazie!“, con un sorriso. Naturalmente, me ne innamorai. Di quel cazzetto. Forse per 1 ora, ma me ne innamorai perdutamente.

Ne parlavo proprio ieri con chic-vagina: la società non è pronta a una risposta minimamente deviante rispetto al “Bene”, punto. “Bene”, liscio. Socialmente si richiede che tu risponda a una domanda che non è una domanda, facendo ricorso a una compiacente e rassicurante bugia. Ed ecco che, immancabile, arriva un turbato: “Perché? Cosa è successo?”. Nulla, non è successo nulla. Cosa vuoi che sia successo? Non ti ho mica detto che ho voglia di recidermi la giugulare. Anzi, ti ho detto che sto “piuttosto bene”.

Tutto questo per dire che sì, che non sto bene eh, che sono stanca, accaldata, mentalmente prosciugata, sottopagata e sfruttata, ma che sì, sto lavorando un sacco e sono in piena Sindrome da Rampantismo Vaginale, alla quale ero convinta che sarei scampata a questo giro. Essendo un anno più vecchia, un anno più saggia, un anno più grassa, avendo ormai imparato che lo stakanovismo non paga, che i complimenti alimentano la vanità ma non comprano una borsa miu miu (e nemmeno una carpisa), che il miglior capo è quello che fa fare il capo a te, mollandoti due milioni di responsabilità per mille euro al mese, mentre si imbarca su un volo per Singapore (viaggio di piacere, of course), ecco ero convinta che ne sarei uscita indenne, a questo giro.

E, invece, manco per il cazzo. Ho resistito finché ho potuto e poi ci sono cascata, mi sono prostituita alle pretese anali della bancarella del lavoro italiana (parlare di “mercato del lavoro italiano”, a mio avviso, sarebbe eccessivo). Ma ci sono cascata, nella Sindrome da Rampantismo Vaginale anche per una forma di masturbatorio narcisismo, ci sono cascata perché mi innamoro delle mie idee e poi mi sposso per vederle realizzate al meglio, ci sono cascata perché questo è il mio pass-partout per continuare ad essere terrona, cicciona e arrogante: essere brava in quello che faccio, che non si capisce bene cosa sia, però so farlo.

E quindi sono partiti i soliti gesti inconsulti, come indossare tacchi alti per una giornata intera a sbattersi per Milano, tra 3 riunioni con tutti i santi e le madonne; come rimandare un negroni in nome di un meeting report dettagliato, come quando l’adrenalina ti sale e tu continui a produrre e sotto stress lavori meglio e dal blackberry non ti stacchi e pensi che stai crescendo e pensi che gestisci delle persone e pensi per un secondo che forse sì, forse il gioco può valere la candela e che tutto quello che hai fatto e quella saudade che ti porti appresso per essertene andata, tra pancreas e intestino, ti stiano del resto rendendo una professionista (della fuffa) per davvero. E poco importa che inizi a parlare metà in italiano e metà in inglese, che è una frontiera ben oltre l’abuso dell’inglesismo. E poi sì, ormai lo so, che il lavoro è solo lavoro, che tutto questo in realtà conta un cazzo, che per il lavoro non bisognerebbe mai esaltarsi e mai deprimersi troppo, che siamo e restiamo la canticchiante e danzante merda del mondo, che ci vuole pazienza, come dice la Vagina Maestra, ecco, io tutto questo ormai lo so. Però, quando porto a casa 2 o 3 fanta-risultati, quando ho i miei inutili suzzessi che non cambieranno le sorti del mondo, anche se ho paura che mi accada qualcosa di tremendo di lì a un’ora, non riesco a non sentirmi veramente fica.

E mentre sono lì che penso tutte queste minchiate, i piedi mi fanno un male furioso, e anche se sono la più alta, alla fine della riunione, che è andata bene, c’è una parte di me che non smette di chiedersi perché io non sia a cucinare torte in una masseria nella gravina, sposata a un uomo forte e semplice, che ogni notte metta le sue mani ruvide sul mio corpo liscio di scrub.

Ma è una domanda retorica, lo so.

E lo so che la verità, accettabile e infima, è che questa vita qui, sui tacchi, nell’afa, a uscire dall’ufficio tardi, a salire in taxi facendo chiacchiere grossolane con il tassista prima di interromperlo per chiamare i miei genitori, per farmi lasciare al Frida, che arrivare al Frida in taxi ha un ché di blasfemo, bere due negroni, rientrare a casa alle 23.30, farmi una doccia con la schiuma ammorbidente che mi lascia profumatissima, accendere il pc, ascoltare Morrisey mentre fumo l’ultima sigaretta e andarmene a letto, ecco forse era – a grandissime linee – ciò che per me stessa avevo scelto.

Dovrei solo guadagnare il doppio e pesare la metà.

Forse lì, alla domanda “Come va?”, potrei rispondere “Quasi bene“.

p.s: per tutto quanto appena detto, apparirà chiaro che pubblicare questo post per me è un tentativo estremo di esorcizzare le mie superstizioni. Pregherei pertanto i miei più accaniti detrattori di non maledirmi. Ho già i miei problemi. Per esempio, un’esplosine atomica di cellulite su cosce e culo, che non avevo mai avuto e che non so come gestire. Cordialmente, Vagina.

41 pensieri su “Sindrome da Rampantismo Vaginale

  1. Siamo in due a odiare il “ehy,ciao,come stai?!”..
    A me verrebbe tanto da rispondere “FATTI GLI STRACAZZI TUOI” anche perchè è risaputo che domande del genere sono fatte solo per infilare i nasi nelle nostre vite,che la gente chiede per impicciarsi solamente e basta e magari stragodere davanti ad un nostro periodo no..
    Dito medio alzato a tutti,anche al tipo in viaggio di piacere a Singapore…TIE’!

  2. Wow, non sapevo che le mie seghe mentali lavorative avessero un nome! Ecco, è una malattia! Chissà se mi danno un’indennità. Voglio dire, è una cosa che a volte mi crea una disabilità a cucinare/pagare le bollette per tempo/pulire la casa. Comunque anche io faccio tutto questo per i momenti di soddisfazione e sensazioni di figaggine a tarda notte mentre ascolto la musica, comunque 😉 E poi lo faccio perché così racconterò alle mie nipoti che “la nonna sì che era una che lavorava! Mica voi giovini!”
    P.S. Comunque anche io sono sottopagata, e il mio capo è andato alle Bahamas… Però dai, ci ha portato i regalini. In fondo gli vogliamo bene.

  3. E tu fai come me, con un bel sorrisone stampato rispondi “male grazie!!”.
    Per il resto, capita a tutti di farsi prendere da un minimo di rampantismo nella strafottuta città del rampantismo totalglobal.
    Che sia sopportare un tacco dodici alle riunioni o far capire a un capocantiere rumeno che gli operai in infradito non vanno tanto bene.
    Le soddisfe variano, basta non esagerarsi troppo.
    E mi piace l’immagine dell’ultima paglia a suon di musica in relax.
    Poi si vedrà.

    Se la vaà la g’hà i gamb.

    E questa te la regalo volentieri.

    1. ahahah gli operai in infradito. adoro.
      daje parla dal romano in giù con me. italiano, in alternativa.
      sì, strafottuta città del rampantismo total global.
      vero è.
      ma passa. almeno a me.
      e pure in fretta.
      credo mi sia passato già. in effetti.

  4. Spesso la consuetudine uccide, eppure anche da risposte come “va abbastanza di merda, grazie”! Si capisce che uno ha abbastanza personalità per andare contro le convenzioni (nate peraltro per essere abbattute), abbastanza fiducia nel prossimo per dire la verità e abbastanza forza d’animo per affrontare gli sguardi pietosi o di disagio dell’interlocutore, in questi casi sono solito rispondere “beh, se ti fa più comodo ti racconto una balla!” e far affiorare un sommesso sogghigno…

  5. A domanda formale, anch’io sono per risposta formale. A meno che non si tratti di persona stimata e abbastanza intima da chiedertelo perchè lo voglia sapere sul serio come stai.
    Anch’io sono cresciuta con una mamma meridionale che mi ha inculcato che bisogna stare attente alle invidie. Sarà un fatto longitudo.-culturale?
    Prendiamocela ogni tanto un pò di soddisfazione, che sia lavorativa, economica, o qualunque altra cosa che anche solo per un minuto ti abbia reso soddisfatta di te stessa, così con serenità, dai!

  6. In terronia diciamo anche “m’aggh spaccat u cul” (scusa l’eleganza) ehehheheeh 😀 la cellulite inonda anche meeee!!aaaaaaahhhh (io risucchiata dalla cellulite 😦 )

  7. Mia nonna, bonanima, quando ormai erano vari lustri che non saltellava più, alla domanda: “nonna, come stai?” soleva rispondere: “seduta, grazie”. E ogni tanto ometteva il grazie…

  8. Anch’io sono innamorata del Frida, chissà, magari ci siamo anche incontrate… Intanto grazie di farmi sempre sorridere. C’era bisogno di qualcuno che raccontasse i patemi di noi vagine emigrate, rampanti (a balzi) pocopiùchemmilleuriste e sovrappeso, e questo costante sdoppiamento interiore 🙂 A leggerti, ci si sente meno sole.

  9. Una Carpisa? UNA CARPISA?? Piuttosto metti i tuoi ciavèz (cianfrusaglie) in una ecobag dell’esselunga, quelle dalla consistenza di un calamaro crudo.

    Io ho addirittura paura di dire che le cose vanno bene, perchè tanto so con certezza matematica che poi dovrò pagare, caro e tutto, lo stare bene che mi sono gustata.

  10. Ovviamente il post è bellissimo. E lo è nella suo essere un mezzo specchio di quello che ci(mi) capita nella vita di ogni giorno.
    Amo il mio lavoro, perché era il sogno della mia vita questo lavoro e anche adesso continua ad esserlo.
    Anche io spesso mi chiedo e rifletto sul significato del “come stai?” all’inizio di ogni conference call (di quelle attivate tramite blackberry, di quelle a tre o quattro… che alla fine sembrano piu una gangbang o una royal rumble della WWF).
    Ma io rispondo sempre nello stesso modo, sempre con lo stesso entusiasmo: alla Grande!.
    Perché è così che mi sento in quel momento, mentre sono seduto in taxi per l’aereoporto, o in ufficio mentre avvio il mio mac book avendo tra le mani il primo (pessimo) caffe del mattino.
    E’ cosi che mi sento mentre coordino, affido, avvio e sviluppo progetti, progetti che spesso assomigliano ai sogni di un ragazzino 11 enne di una sporca periferia napoletana.
    E’ cosi che mi sento, quando mi guardo in cravatta (rigorosamente stretta e nera) e camicia bianca di nara avvitata che mostra un fisico che forse non li sente tutti quei long island degli aperitivi o i benefici del kayt surf sul lago di como. E’ così che mi sento mentre trovo il tempo di aggiornare il mio blog, e ogni post è un metro in più di felicità, nonostante non abbia il tempo neanche di rispondere al sms di un amico, nonostante gli aperitivi inizino tutti alle 22 passate….
    E poi… quello che succede davvero nella mia vita lo sanno in pochi, magari qualche tassista, che come nel tuo caso, ascolta le mie telefonate a mia madre… ma di certo lui come i miei amici non mi chiederanno mai come sto… perché lo sanno e le parole sono buone solo per i romanzi non per le amicizie di lunga data.
    Cara V. sinceramente grazie di aver trovato un modo di farmi leggere in un pezzo di me nella tua vita, perché alla fine mi sono sentito decisamente meno solo…

Parla con Vagina, Vagina risponde

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...