Flirtare riduce il colesterolo

Qualche giorno fa riflettevo sul flirt.

Ci riflettevo procedendo tutta corrucciata nella mia vita quotidiana, assorta nell’evidenza che non mi piace nessuno, mai (il ché, per fare una puntualizzazione squisitamente intellettuale, potrebbe anche coincidere con il mio non piacere a nessuno mai, per dire). Riflettevo sul fatto che non flirto abbastanza (sì, sì, vagine femministe post-sessantottine che strillate al mondo che voi sole con la vostra vulva ci state bene e che nulla vi affascina quanto il vostro utero, sì, ok, datevi pace). Riflettevo sul fatto che flirtare di più gioverebbe al mio vaginismo e che mi piacerebbe un sacco inciampare in un cazzetto che abbia almeno conseguito la triennale in flirt. Di fatto gli unici uomini con cui flirto sono quelli con cui mi relaziono per lavoro, che fa parte dei giochi, ma non bisogna eccedere, di solito, in quei casi lì, che rimarrebbe, a rigor di logica, poco professionale.

Dicevo, riflettevo sulla natura indiscutibilmente salutare del flirt. Il flirt è una cosa meravigliosa. Il flirt è bene ed è sempre auspicabile. Il flirt è emotivamente sostenibile, fisicamente stimolante, socialmente accettato, politicamente emancipato. Flirtare è bello. Il flirt gratifica lo spirito, risveglia i sensi e riduce il colesterolo. Il flirt, qualora accoppiati, non è mancanza di rispetto nei confronti del partner, se moderato, s’intende. Il flirt, nella giusta misura, aiuta anzi ad essere partner migliori, ci fa sentire ancora competitivi e desiderabili. Naturalmente bisogna cercare di non prenderci troppo gusto, col flirt extra-coniugale, se no si casca in quella ragnatela di valori indotti dalla quale è difficile poi divincolarsi.

In  generale, il flirt è il migliore afrodisiaco del mondo. Il flirt è il preliminare intellettuale e fisico. Ci fa venire il friccicorìo, ci fa bramare l’altro, ci fa pregustarne la pelle e l’aroma, la voce e il respiro, che, per capirci, è un po’ quello che succede quando sentiamo il rumore e l’odore della cipolla che soffrigge in padella: ci viene fame di qualcosa di unto e bisunto.

Ma c’è di più. L’insostenibile importanza del flirt è la più grande differenza che intercorre tra la sessualità maschile e quella femminile. Il resto sono quasi sempre stronzate. NON è vero che abbiamo bisogno di 90 minuti di preliminari e di 45 minuti di coccole dopo. Tutto è relativo.  Per esempio: se siete una capra con i preliminari ma siete, in compenso, dotati del nostro pene gemello (perché più che le anime gemelle, secondo me, esistono i genitali gemelli), al diavolo il vostro grossolano tentativo di solleticarci punti che sono a centimetri luce da dove vi affaticate: ottimizzate, fate altro, santo durex! Noi capiremo.

Se avete un cetriolino sottaceto ma siete straordinariamente bravi con altre parti, più o meno ovvie, del vostro corpo, procedete. Se siete dei velociraptor dell’orgasmo e i vostri spermatozoi usano casco e cintura di sicurezza perché in 20 secondi vengono sparati in orbita, esplorate soluzioni alternative, abbiate fantasia, ricorrete ai sex toys che no, non sono la manifestazione in jelly di Satana (magari anche qualcosa di farmacologico, nei casi più cronici, non guasterebbe).

Perché tutto questo, in fin dei conti, è accessorio (naturalmente se ce l’avete grosso, turgido e fiero, durate 2 ore, suonate la vagina a ritmo di punto G e sapete – dico sapete – praticare un cunnilingus, è meglio).

Ciò che è tuttavia fondamentale per noi vagine e che ancora oggi, nel 2012, sfugge a molti cazzetti, è che tutto si disputa molto prima, proprio sul terreno del Flirt. Perché se i portatori di fava possono attivare l’augello più o meno per qualunque vagina, nel senso che fatto “x” l’asse della fighezza e “y” l’asse dell’intelligenza, il cazzetto può chiavare tutti i 4 quadranti (come da grafico), ecco per le vagine è diverso.

Per le vagine il Flirt è la “n” potenza che moltiplica l’attrazione, che ci fa stringere le cosce, mentre chiacchieriamo davanti a una birra doppio malto. E’ il coefficiente di zoccolaggine che si attiva e ci fa prudere le labbra mentre ci fate fare un’altra risata e riuscite a piazzare un complimento straordinariamente cucito sul nostro vaginismo che in pratica, prima ancora che la birra sia diventata calda noi abbiamo già deciso che ve la daremo. O che, per contro, non vi daremo mai nemmeno la mano.

Dopo di ché, dopo il Flirt, nel caso in cui ci sia un seguito, tutte quelle macroscopiche differenze di genere nella sessualità si assottigliano, fino a svanire, nel compimento di un desiderio nato ore, giorni, settimane prima, tra le pieghe di una conversazione brillante, tra un vivace scambio di battute tra serio e faceto, che scadeva in doppi sensi, in risolini prurigginosi, per tornare, poi, a galla, negli occhi lucidi e vivi.

E la cosa migliore che possa succedere, è che due flirtatori autentici si incontrino. Attenzione, non si parla di flirtatori professionisti. I flirtatori professionisti sono come i pornodivi con le palle depilate. Sono patinati. Sono posticci. Qui si parla di amateur, di passione verace, sana, autentica, per il flirt, anche fine a se stesso. Perché il flirt è bello e non fa male a nessuno. E posto che flirtare bisogna saperlo fare, che è questione di predisposizione, che flirtare è una dote e che il flirt è come la luccicanza, o ce l’hai o non ce l’hai, ci sono margini di miglioramento anche per i casi più disperati.

Ma il punto (interrogativo), su cui riflettevo pochi giorni fa, tutta corrucciata nella mia vita quotidiana, assorta nell’evidenza che a me non piace nessuno mai, è: sarà mica che il momento più piacevole per flirtare è quando si è impegnati?

No perché, nell’ultima era zoologica in cui sono stata accoppiata  mi pareva che il mondo fosse il mio personale flirt mancato.

E ora, che sono single, non trovo una testa che incontri la mia pelle e una pelle che incontri la mia testa.

Quando invece, del sano flirt non protetto, gioverebbe molto al mio vaginismo.

Quindi cazzetti, per piacere, imparate a flirtare.

40 pensieri su “Flirtare riduce il colesterolo

  1. …oppure riaccoppiati…ed i mondo tornerà ad essere il tuo personale luna park del “tutto è possibile”. Scherzi a parte. C’è qualcosa che non va nel tuo ragionamento. E’ come se la vita, che è sempre la stessa sia che tu abbia un compagno sia che tu non lo abbia, si accenda di un colore diverso a seconda dei casi. Il maledetto orologio biologico per voi femmine è veramente una iattura. Vi chiude dentro terribili trappole mentali e vi preclude tanto. Il giorno in cui inventeranno la pillola che vi permetterà di volare alto uccidendo fretta e senso d’abbandono arriverà sempre troppo tardi.

  2. Flirtare da single o da accoppiati è molto diverso. Nel primo caso uno può decidere abbastanza autonomamente il livello di spudoratezza da interpretare; e tra l’altro viene più facile. Nel secondo, per evitare di scadere nel cliché del traditore, bisogna mantenersi molto più sul soft e andarci di cervello. Sono d’accordo con te: è molto utile sia per l’autostima che per conoscere se stessi e i proprio limiti, soprattutto mentali. E poi è divertente, tanto per tornare terra-terra.
    Andrea

  3. E’ probabilmente lampante il fatto che flirtare, per una donna, riveste un valore intrinseco nettamente maggiore rispetto ad un uomo.
    E io adoro flirtare. S’intende.
    Ma poi ci sono donne che per appagare il proprio senso di autocompiacimento ti farebbero fare sessioni di “Flirting” di circa 8 mesi..
    Allora esplodi con tutti i tuoi ormoni, mi viene da dije.
    E tu sai quanto è vera questa cosa piccola Vagi.

    chiaramente, solo per il grafico, Ti amo.

  4. scrivi divinamente. Punto. A capo: quando il tuo punto di vista sarà riuscito ad essere meno metonimico nella scrittura – per il resto chiaramente lo è, visto che bevi la doppio malto tanto per dirne una – mi farai veramente contenta. Per il momento, è un piacere leggerti
    MJC
    mjcoe.wordpress.com

  5. A-DO-RO, e quando arrivo a sillabare una parola maiuscola significa che sono proprio estasiato. Bene, concluderei qui la parentesi Grazie-di-esistere-vagina che tre righe per ogni post posson bastareeeee (♪♫) per dichiararti la mia totale devozione.

    Il flirt è ‘na ganzata, concordo. È anche vero che a flirtare bisogna essere in due, e questo è un problemino sia quando a te non piace nessuno che quando tu non piaci a nessuno. Per carità, anche il flirtare a vuoto (leggasi: quando poi l’altra persona non te la dà) ha i suoi effetti benefici: ti tempra e ti fa sentire figo, perché poi dici che hai avuto coraggio perché ci hai provato. La battaglia del flirt è comunque appagante. Vincerla lo è molto, molto, molto di più.

  6. I francesi lo fanno divinamente.
    Flirtare, intendo. In generale invece gli uomini considerano il flirtare una perdita di tempo. Peccato, perchè invece innalza il livello ormonale a qualunque età, e il dopo, se dopo c’è, ha più gusto.

    Il grafico è da 110 cum laude et abbraccio accademico. Tu e Il Banale siete i miei cocchini ( il che, detto da un’emiliana, è un complimentone.)

  7. Raramente ho trovato un testo più corrispondente e coerente con l’idea mito della donna che mi porto dietro da anni… flusso continuo tra cervello e vagina e viceversa! Brava, complimenti!

  8. Sì, meraviglioso.
    Guardare in fondo agli occhi cercando di far capire che il suddetto cunni è davvero a uina distanza temporale brevissima, in caso di reciprocità manifesta.
    Oppure godersi reazioni corporee alla “lie to me” al suono di quel complimento preciso, preciso.
    Flirtare è decisamente bello e farlo da impegnati aggiunge il tocco danger che aumenta il pathos.

  9. Ciao! assoutamente a sproposito volevo segnalare questo esempio di scempio del corpo della donna, assai di più di quando non ci sia di mezzo l’ammiccamento sessuale … http://www.mamo.it/Rivenditori.aspx **TERRIFICANTE**
    bye 😉

    Sul post: ridurre a “intelligenza” l’asse X è riduttivo sia per i cazzetti che per le vagine … e di solito non è assolutamente rilevante: puoi essere un cervello ambulante ma se “rompi le palle”* (questo può avvenire in mille modi e per un elenco non hai che da pensare ad un cazzetto e volgere tutto al vaginile) vedi che l’indice di chiavabilità si sposta da te ad un’altra, senza nemmeno pensare a quanto ammonti il parametro. Detto ciò: meglio metterci “carattere” al posto di “intelligenza” eh? oppure “tutto il resto” che è più divertente 🙂

    Ma sono solo un cazzetto, quindi conta poco! Fuggo! (ovvio)

    *altro concetto generico che necessiterebbe dei tomi 5-6-7 sia su cazzetti che su vagine.

      1. addirittura filosofico.
        che gli uomini scrivano assai meglio dell’argomento vagina, detto da uno che – mi pare di capire – la vagina non ce l’ha, sembrerebbe una distinzione di genere fin troppo audace. sarebbe più condivisibile “ci sono vagine altre che scrivono assai meglio della vagina”, oppure “per gli uomini è più avvincente leggere cose intorno alla vagina scritte da altri uomini”.
        quanto al suggerimento, grazie assai. se leggessi, lo comprerei.
        infine, nessuno qui ha velleità luminarie. tanto per chiarezza.
        ciao
        v.

  10. niente da fare!meglio tardi che mai a scoprire il tuo blog!molti articoli sono interessanti e mi rispecchio alla grande!
    il flirt è tutto per me!quando si dice cosa ci potrebbe essere di più erotico in un uomo rispondo..il cervello e il saper rispondere a tono..notoriamente sono molto allusiva,e flirterei a parole per giorni e giorni..insomma l’attesa AUMENTA il piacere!!baci bacii

Parla con Vagina, Vagina risponde

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...