Romanticismo di Riserva

Capita quando c’è un weekend lungo.

Capita quando torni da una cena a casa dei tuoi amici che stanno per sposarsi.

Capita quando viene giù la prima neve, che ti vien voglia di accoccolarti nel cardigan e affacciarti alla finestra, con il riflesso delle luci dell’albero di Natale sui vetri, ad aspettare che lui – che c’ha delle spalle che uau – si avvicini a te da dietro e ti abbracci forte. Peccato che non ci sia l’albero. E nemmanco lui. Solo la neve. Che in città è popo na merda.

Capita quando cammini per le strade illuminate, tra le vetrine scintillanti, e i signori col cappello, e le coppie che comprano i regali, e i passeggini.

Capita tutte le volte che t’accorgi che a fare una busta di puré ne butti metà.

Capita tutte le volte che le tue amiche ti chiedono: “E tu, raccontaci qualcosa” e rispondi parlando della palestra, del lavoro, del nuovo vibratore che hai recensito sul blog.

vagina

Capita tutte le volte che agli inviti non sfrutti il tuo +1

Capita tutte le volte che non distingui il confine tra la tua indipendenza e la tua solitudine.

Capita tutte le volte che sei in premestruo.

Capita tutte le volte che sei in premestruo e non c’hai un povero stronzo su cui sfogare i tuoi scompensi.

Capita quando compri un paio di scarpe nuove e non c’è un feticista che t’aspetti a casa.

Capita quando ti manca casa da troppo tempo e quando t’accorgi che i tuoi genitori stanno invecchiando.

Capita tutte le volte che guidi di notte, ascoltando There’s a light that never goes out, che ritorna, periodicamente, pericolosamente. E ti struggi ogni volta, da morire, su quel ritornello lì.

Capita tutte le volte che gli altri imbastiscono progetti di vita e tu non sai neanche cosa farai a Capodanno.

Capita tutte le volte che ti stringi a un uomo che non è il tuo.

Capita quando torni da un appuntamento che non è andato bene abbastanza.

Capita in ogni coito senza emozione. Capita in ogni bacio senza passione.

Capita tutte le volte che sei tra le braccia di uno sconosciuto e non vedi l’ora di tornare a casa tua.

Che a volte ci finisci, tra braccia estranee. Perché succede e basta.

Ecco, tutte quelle volte capita che te lo dici, che te lo ripeti, e per un po’ ci credi, ci credi da pazzi, cazzo se ci credi perché vuoi crederci, che crederci ti serve, che quello arriverà. Quell’infame che latita, che ti fa dubitare della sua esistenza. Quello che ti rivolterà come un pedalino. Quello che ti farà sentire più forte, più bella e più viva. Quello che non ne dubiterai. Quello che ti scancellerà la paura, la ritrosia, l’avversione al concetto stesso di relazione, con un solo sorriso strappa-mutande. Quello che altri non ce n’è, almeno per qualche mese.

Sì, arriverà. E tu ci credi. Ci credi perché fai appello alle scorte antiatomiche di putrido sentimentalismo, che conservi come extrema ratio per quando vai in overdose di disincanto.

Ecco, allora sfrutti il tuo Romanticismo di Riserva.

Che anche quando credi sia finito, scopri che ancora un po’ ce n’è.

115 thoughts on “Romanticismo di Riserva

  1. Mi capita quando vedo una coppia di turisti e io ho voglia di fare un viaggio ma sono sola, quando le mie coinquiline rispondo al telefono ai loro fidanzati e hanno quel rossore che le rende così belle. Capita ogni volta che il ragazzo, che non capisce quanto valgo, mi risponde male.
    Lo uso perchè una poesia e un vodka lemon non bastano. Lo uso anche se sono a Roma e non c’è la neve…

  2. Si… è la mia situazione normale… inmezzo a tutti i problemi del mondo è bello avere qualcuno con cui condividere la vita….per poi arrabbiarsi con lui cinque minuti dopo perchè si è dimenticato di pagare la bolletta… ma fa parte tutto dello stesso gioco

  3. Capita poi che un giorno quello/a lì ti guarda in faccia e ti dice “sai mi fai ribrezzo”.
    E vorrei sottolineare l’italiano intransigente.
    Allora scarichi la ricetta precisa dell’Eggnog in attesa di ‘mbriacarti lesso alla vigilia.

  4. Eh. There is a light that never goes out ci ha fatto fare quei pensieri un po’ a tutti, ma tu sei troppo giovane per aver pianto per quel libro. 🙂

  5. Cristodiddio, arriverà sì.
    E dopo sai benissimo che rimpiangerai anche un po’ questi momenti tutti per te. Perché noi umani siamo così. Degli scassamarroni. Tutti, nessuno escluso.

  6. Ho avuto i brividi, leggendo.
    Perché mi sembrava di sentire me.
    Ma, a differenza tua, io non penso “a qualche mese”, io spero ancora nel “per sempre”.
    Anche se a Palermo non nevica mai.

  7. Io l’avevo scritto che quando si è single, l’accoppiata neve+aria di natale ha degli effetti collaterali disastrosi! Ti capisco, ti abbraccio e sono solidale perchè sono nella tua stessa situazione. Però, io uno che mi aveva fatto provare quello che sogni tu, lo avevo trovato dopo la fine del mio matrimonio. Dopo 17 mesi è finita per altri problemi. Sto ancora male a distanza di 2 mesi, e per la prima volta nella mia vita, sento che mi manca qualcuno in certi momenti, però non lo riesco a sognare. Perchè? perchè ho paura di sognare per qualche tempo e poi che tutto crolli miseramente facendomi soffrire terribilmente, come è successo 2 mesi fa. Per la prima volta ho paura di sognare un uomo speciale al mio fianco. E forse è peggio che sognarlo e non averlo. Un abbraccio Vagy, E io ti stimo sempre più!

  8. Eccchecazzo Vagi!
    Io ho acceso il pc solo perché mi serviva la ricetta della crema pasticcerà senza lattosio e tac che mi comparì tu che mi rattristi. Proprio oggi che non c’ho un cazzo da fare, che mi sto facendo una torta gigante solo per me perché sono sola come un cane e mi sono accorta pure di non avere gli ingredienti e penso che se avessi avuto uno straccio d’uomo avrei mandato fuori lui al gelo a prendermi il necessario per la mia torta fallimentare e poi mi sarei pure fatta dare una bella rigirata che quella non guasta mai. E invece sono sola con una torta sfarcita.
    Che vita di merda

    1. ahahaha no tesoro no!!!
      non volevo mica farti st’effetto qui!!!
      eddaje. capita a tutte il premestruo. pure a me. solo che lo manifesto così 🙂
      per inciso, ancora non ne sono uscita, dal premestruo.
      la torta sfarcita alla fine com’è venuta però?

      1. Ho preso dei frutti di bosco surgelati, ce li ho sbattuti sopra e mi sono auto invitata a casa di amici a cena. Per la prima volta non ho portato il vino quindi ho anche evitato la figura dell’alcolizzata questa volta…

      1. il romanticismo di riserva lo usi anche quando con il tuo ragazzo non va più come vorresti e speri che quell’abbraccio arrivi ma non arriva più, anzi se arriva te lo guardi anche un po’ stranita. Quando pensi a come sarebbe con un altro ed invece ciò che bisogna capire e come sarebbe imparare a bastarsi.

  9. Ciao Vagy! Lo hai scritto presto questa mattina o sbaglio? Siamo umani e incostanti, sappiamo che il vero amore è prezioso, ma quando lo abbiamo a volte lo diamo per scontato, ed allora è bene tenersi una bella scorta di romanticismo per ricordarci quanto è preziosa la persona che ci sta accanto anche se in quel momento siamo arrabbiate per i più disparati motivi! I miei stanno insieme da 30 anni, litigano raramente, ma quando succede inizio a fare presente a mia madre l’elenco di tutte le cose che ama di mio padre, allora ammette che qualche difetto è sopportabile.

  10. Quando ho letto il post mi sono sentito smuovere dentro. Perchè credo di aver travato il mio “per sempre”. Ma, come si dice di solito per sdrammatizzare, chi vivrà vedrà.

  11. Se tu abitassi in campagna odieresti rimanere isolata per due centimetri di neve e non poterti permettere un suv 😀
    Suuuu, Vagi!!! Magari i verdi pascoli torneranno prima che tu te ne accorga. [abbraccio a stritolo virtuale]

      1. Tu sei di grandissima ispirazione, ma non riuscirò mai a dire le cose come le dici tu. Spero che non pensi che ti copio, è che quando vado a scrivere di sentimenti & affini credo di vedere le cose in una maniera molto simile a te, ma non è che mi baso sulle tue idee, semplicemente l’esperienza ha portato anche me a partorirle ^_^

      2. ma te pare!!!
        ma per chi m’hai presa. non ho pensato mai, ma nemmeno un secondo, che mi copiassi. godi della mia stima e della mia simpatia, penso che c’assomigliamo e questo mi fa sorridere, e che si somiglia si piglia e che mi berrei volentieri una birra con te e che ti presenterei frecciagrossa.
        cioè, questo penso!
        un bacio va!

  12. “Quello che ti rivolterà come un pedalino. Quello che ti farà sentire più forte, più bella e più viva. Quello che non ne dubiterai. Quello che ti scancellerà la paura, la ritrosia, l’avversione al concetto stesso di relazione, con un solo sorriso strappa-mutande. Quello che altri non ce n’è, almeno per qualche mese.”

    Ecco, io quando leggo cose così, folate di sentimenti così, mi sciolgo, e penso che se c’è qualcuna che se lo merita quella sei tu. E guarda che arriva, il latitante, ARRIVA. Prima o poi, più facile che sia davanti a una macchinetta del caffè che passeggiando lungo la spiaggia o al parco o a un concerto o a casa di amici (nei telefilm questi sono i posti, no?). Più facile che la cosa inizi in sordina per poi dirti “Apperò!” E se sarete bravi sarà appagante molto più a lungo che qualche mese, e se sarete bravi saprete riemergere dalla quotidianità e vi ritroverete spessissimo come i primi mesi.
    Parola di zia.

    Bacissimi.

      1. E l’accezione “pitbull” che preoccupa. quindi una cattivacida. Allora ti segnalo un’altra ottima location: supermercato dopo le 19,30. Cioè, non è che devi cercare, he… però potrebbe capitare proprio lì.
        A me il punto ristoro Lavazza m’ha portato buono. : )

      2. Scusate se mi intrometto,ma a questo punto il suggerimento del supermercato dopo le 19e30 lo valuto pure io..però non al punto lavazza dopo le 19e30 che poi non dormo ^__^.

  13. già… e quando arriva è proprio così..
    te lo do per certo è esattamente ciò che hai descritto… finalmente, ovunque tu sia, quando ti abbraccia la sensazione è d’essere arrivati finalmente a casa..
    c’è solo da sperare che riesca a comprendere che per essere così speciali bisogna essere speciali… e che anche la felicità esige rispetto e impegno reciproco.. può essere tutto meravigliosamente faticoso ma vivo o stupidamente perso… spero che il ns futuro sia comunemente vivo…
    buona vita vagina..

  14. toccata in pieno.
    capita quando stai tra le braccia di uno che se fosse meno freddo, meno distaccato, forse te ne innamoreresti seriamente. ma almeno lui non te dice cazzate, il che è una grande cosa, no?

  15. Vagi, ma perchè ti ostini a comprare il purè in busta!!! Ha tanti conservanti ed è meno buono di quello fatto in casa.
    Io la monoporzione la faccio così: 2 patate da bollire finchè non si sono fracassate, le schiaccio, ci aggiungo un pò di burro/olio, latte e un pizzico di pepe. Guarda che io vado matta per il mio purè!!!

    Detto questo, a me capita anche tutte le volte che devo trasportare una cassa d’acqua. Che poi, anche se Lui non fosse disponibile in quel preciso momento, la sola idea che esiste rende quella cassa pesante la metà! 😉

  16. Arrivo qui grazie alla sponsorizzazione fatta dall’Ale su Twitter!
    Capita quando ti dicono: “Mettiti capotavola! Tanto sei solo!”
    Purtroppo è così! E’ brutto, ma lo è ancora di più quando le persone te lo fanno pesare, come se uno fosse contento di essere solo…

  17. Come sempre più spesso mi ritrovo nelle tue parole… questa m***a di neve che pare bloccare tutto, i giorni di vacanza che sembrano non finire mai, la voglia di stare accoccolati davanti al camino… gli amici che fanno progetti di vita… e io che davvero agogno sempre più l’idea di prendere e partire per Capodanno, per non dovermi sorbire tutte le coppiette felici e melense che allo scoccare della mezzanotte sono tutte “auguri amore”!
    sai in quanti mi hanno detto “ma non ti preoccupare, arriverà pure per te nel momento in cui non te lo aspetti”!?!? si contano a decine… sai quanti ne ho trovati? due, uno peggio dell’altro, due per cui non vale la pena nemmeno attingere lontanamente alla scorta di romanticismo d’emergenza!
    e forse continuerò a usarlo questo romanticismo, ma sono sempre più delusa dal mondo maschile…

  18. ricorda Vagina: realizzare un sogno non implica raggiungere la felicità……
    forse, soprattutto in certi ambiti, conviene continuare a sognare…….

  19. è più di un anno che ti leggo e riesci a farmi ridere come se fossimo amiche da sempre.
    Stanotte, anche se fuori ha smesso di nevicare, ho pianto.

      1. comunque, ti dicevo che è un annetto che ti seguo e questo grazie a un mio amico sardo che pensa che tu sia la donna ideale (“clamorosa” o “meravigliosa”, non ricordo, ma nzomma se semo capiti). E gnente, un uomo che merita una menzione d’onore, per una volta.
        (p.s: sono terrona anch’io, barese, e come vedi pur’io a volte mi avventuro in una specie di romanesco. AH ER FREDDO, tutta colpa sua.)

  20. Vogliamo parlare dell’organizzazione per il prossimo capodanno? Quando uno della tua comitiva, impegnato dalla bellezza di.. un mese, se ne esce con la meravigliosa frase “beh io ora devo pensare per due, quindi credo che sarebbe più carino optare per una cosa tranquilla a casa, tra amici, tra coppie”.
    Grazie eh, vorrei solo ricordare la tua condizione di Forever Alone di appena 30 giorni fa, condizione che per me è rimasta costante.

    True Story.

  21. “Capita quando ti manca casa da troppo tempo e quando t’accorgi che i tuoi genitori stanno invecchiando.”

    Tutte le altre cose hanno una speranza di cambiamento in positivo….a questa non c’è rimedio. Ecco perché, secondo me, è la più straziante.

  22. A volte se ne fa ricorso anche quando si è in coppia, si ha sempre voglia di sognare qualcosa di più grande di più romantico…pare che non ci accontentiamo mai di quello che abbiamo…invece io adoro stare alla finestra e guardare la neve che cade e si raccoglie, con l’albero di Natale nelle vicinanze e una tazza di the caldo in mano anche se non c’è nessuno ad abbracciarmi.

  23. mmm anche io come te dal sud mi son trasferito a milano e mi sento allo stesso modo, visto che, approdato a milan, mi mollai con la ex storica, e da allora nada… un po’ perché ho dovuto rifarmi la vita daccapo e dovevo scrollarmi di dosso una ex, un po’ perché qui “l’hanno di legno” (cit. un collega), un po’ perché l’incomprensione regna sovrana… vado in giro con la moto e penso che “cazzo ci faccio qui” mentre gli altri vivono la loro vita, io spreco il mio tempo.
    quanti single in attesa, e quante coppie (ho visto) annoiate!?

      1. creduto anche io, ma adesso la disillusione di avere qualcosa di meglio che una sana scopata o comunque trascorrere del tempo con una ragazza che mi piace è ormai tramontata. dirò di più: mi son fatto inviare in trasferta perché tendenzialmente, a milano non ho nulla che mi trattenga: casa mia è vuota e desolata (nonostante mi dicano che abbia una bella casa e spaziosa), fuori è anche peggio un po’ per le amicizie riciclatesi in coppie, un po’ perché mi interessa poco vederli, come fossi un pesce fuor d’acqua.
        quindi penso che “credere” sia solo un palliativo, in attesa di tempi migliori, per chi s’accontenta di quello che ha e che non fa abbastanza per avere di più; il problema è che vorrei avere di più sempre, soprattutto in questo caso che ho zero!!

  24. Capita tutte le volte che vengo invitata a cena dalla mia migliore amica e dal suo ragazzo, in quel loro bellissimo appartamento, loro che dopo 9 anni si guardano ancora come all’inizio, quando eravamo gavanelli, e adesso hanno anche una figlia, di due anni e mezzo, che manco parla ma già sfotte e mi chiede dove sia quel bel tipo che mi dava tanti bacini, che a lei piaceva tanto perchè faceva le pizze…Insomma capita dai…e quando meno me l’aspetto già, si si deve essere così 😀

  25. No, vabbé sei brava, niente da dire. (si, ok, con questo non aspettarti cartoline di auguri per natale, postate su fb per il compleanno o robe del genere).
    era dai tempi in cui ho esaurito la bibliografia di hank bukowski che non mi divertivo così a leggere.
    capita
    con una certa dose di empatia

Parla con Vagina, Vagina risponde

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...