Vagina Felliniana

Sono uscita con un tipo.

Sono uscita con un tipo perché ho deciso che devo uscire, con i tipi. Che per la legge dei grandi numeri, prima o poi, troverò qualcuno che mi piaccia almeno un po’, anche solo per una sportiva trombamicizia cittadina, dico. Che la politica de “L’uomo della mia vita mi troverà da solo, perché è il destino” non ha portato grandi frutti, salvo che io non scelga di intraprendere una torbida relazione sessuale con il fattorino egiziano che mi consegna la pizza a casa, che comunque nun me pare il caso.

Quindi dicevo, sono uscita con questo tipo. L’ho conosciuto su uno di quei patetici social network da rimorchio al quale, come sapete, sono iscritta, perché in questa vita grama popolata solo da amiche vagine, in stra-grande maggioranza accoppiate, e amici froci, non è che la quotidianità pulluli letteralmente di avvenenti single con cui intessere qualsivoglia genere di scambio, sia in termini dialettici che di fluidi corporei.

Però, dato che con questo tipo avevo ben “1 amico in comune” su Facebook, ho deciso che praticamente potevo fingere di averlo conosciuto a una festa, o a una cena, sì, insomma, potevo fingere che me lo avesse presentato proprio quel mutual friend e che, tutto sommato, il nostro incontro sarebbe stato meno squallidamente legato al patetico social network da rimorchio.

gradisca

Sicché l’ho incontrato, il tipo, e mi è risultato anche piuttosto fico. Pure troppo per me, Dylan Dog, praticamente. Uno con tanti capelli scuri e gli occhi scuri, con la faccia spigolosa e le spalle larghe, 1.90 di bendiddio, insomma, uno di quelli che dovrebbe accompagnarsi con una vagina alta 1.75 con le ballerine, il corpo longilineo, il culo a mandolino, i capelli lisci, la carnagione chiara e l’occhio verde, per capirci. Però sticazzi, metti che c’ha un gusto vintage e je piace la forma a clessidra. Alle brutte, ci beviamo na cosa insieme e poi a casa, sconosciuti come prima.

Invece succede che la serata rimane piacevole, che ridiamo, e lui è alto, ma proprio alto, e a me piace assai che sia così alto, che per la prima volta dopo un sacco di tempo non sono io quella più ingombrante, che ha questo petto così forte che mi ci farei piccolissima a ridosso e questa presenza che potrei sfidare tutti gli stupratori del mondo, tanto lui mi difenderebbe, oh sì.

E così, una cosa tira l’altra, la carne è carne, il pesce è pesce, si sa come vanno ste storie, il primo appuntamento si conclude con la para-olimpiade del Limone Duro nella sua auto parcheggiata davanti casa mia, come nei migliori episodi di Melrose Place, roba da smascellamento irreversibile. Poi io mi congedo e gli dico che sì, che ci rivedremo l’indomani, che a me quei preliminari cerebrali che durano 24 ore piacciono assai.

Anfatti ci siamo rivisti. Sono andata a cena da Dylan, che la mia generazione deturpata da Beverly Hills sogna dal 1990 di frequentare uno che si chiami Dylan. Mi sono impegnata a non chiedermi per quale oscuro motivo Dylan fosse single. Che, volendo fare del cinico pragmatismo vaginale, uno di 30 e rotti anni, che ha un lavoro, una casa e un’audi, oltre a essere alto 1.90 (amo ricordarlo), per quale motivo è sulla piazza? Cosa nasconde?

Niente. Vado a cena da Dylan. Anzi, Dylan passa a prendermi e andiamo a cena da lui. Galanteria d’altri tempi, penso io. Arriviamo a casa, iniziamo a bere vino, a limonare, a bere, a stuzzicare, a limonare con i residui degli stuzzichini che comunque la limonata sponsored by San Carlo è pura avanguardia erotica, non so se lo sapevate. Finché arriva il topico momento e Dylan, che mi sta stringendo e ravanando tutta, tanta quanta sono, mi cala le mani sul culo. E lì, mi fa la seguente domanda:

“L’hai mai visto Amarcord di Fellini?”

Ingenuamente rispondo che sì, certo, ce l’ho anche nella mia colonna dei dvd, Amarcord di Fellini. Poi il mio cervello, rallentato dal torpore etilico, realizza e gli chiedo: “Scusa, ma toccandomi il culo hai pensato alla tabaccaia di Amarcord?“.

Ebbene sì.

Dico: alla tabaccaia.

tabaccaia

Ma anche alla Gradisca, ha detto, che sì, che sono proprio una bellezza felliniana

ma come si fa a non toccarsi quando la tabaccaia, con tutta quella roba…a me mi fa svenire, la Gradisca, io voglio una moglie come la Gradisca.

Fellini era un godereccio, ho detto. Sì, infatti, mi ha risposto.

Poi devo aver riso. Poi deve aver riso lui.

Poi abbiamo fatto all’amore. E poi mi ha stretta fortissimo.

E alle 3 di notte, in un letto che non era il mio, ripensavo alla  tabaccaia di Amarcord, che va bene tutto, ma io non c’ho mica un’ottava di poppe.

Restava comunque il fatto che, onore al merito, nessuno era mai stato così deliziosamente cinematografico nel darmi della culona.

104 thoughts on “Vagina Felliniana

  1. mitica tabaccaia per mitico film che ho, di recente, rivisto con un senso di piacevolissimo tocco di amarezza.. ricordo di averlo visto a napoli da giovane studente universitario fuori sede con una intelligente e sensibile amica con cui, poi, avemmo “effusioni amorose”, e lei era un tantino come te (credo), molto, molto sotto la … ottava di poppe! ma, da vera Donna, non aveva le “poppe” ma possedeva il seno del vero femminino..
    r.m.

  2. Una scena boccaccesca. Ti sei fatta corrompere dai primi pettorali da un metro e novanta che ti sono passati di fianco. Io che cerco d’impartirti una morale e tu scavalchi l’ostacolo con fare da Messalina nel tripudio di sensi e fantasie erotiche. Mi cadi sul “Gradisca le mani sul culo?” Una visione breve e coincisa di due manone che affondano su una fantasia di carne tremula. Nel prossimo post ci allegheresti qualche diapositiva dell’accaduto? Tanto per renderci conto di cosa stiamo prendendo in esame. Poi valuteremo noi se è un culo da Amarcord. 😀

  3. No ma io che ti seguo sempre (silenziosamente) sono proprio felice di leggere di una serata felliniana, così, e sono emozionata nel sentirti… felicemente persa?
    Good luck baby 😉

  4. Non deludi mai, io so che quando ti leggo poi chiudo la pagina col sorriso.

    Io devo vederlo, Amarcord di Fellini, comunque deve essere stato un bel momento 🙂

    Sui social network patetici, ti dirò, non è il social network che è patetico: è l’uso che ne fanno la maggior parte degli iscritti – frase paracula che uso per giustificare la mia presenza sui social network patetici.

      1. Ahahah no io avevo un JASON bresciano! “Pota me so Geson” Sará stato un deja vú! Ho dovuto lasciar perdere hahahahah

  5. Vagy io faccio il tifo per te!Dylan Dog era davvero un gran bel ragazzo nei fumetti! Che dire…..al mio ragazzo piace Angelina Jolie, e io non le somiglio neanche per sbaglio quindi…..in bocca al lupo!

  6. Grande Vagina!!!che belle cose si leggono ogni tanto!!!Domani sera devo uscire anche io con un ragazzo,per la prima volta dopo la rottura con il mio ex. Un ragazzo conosciuto ad un aperitivo,che mi ha notata (cosa per me assurda che si noti me in un locale pieno di persone!!)e che mi ha chiesto di uscire. E spero che la mia serata vada bene con le tua!! Faccio il tifo per te!! A mio avviso un bellissimo regalo di natale anticipato. Un abbraccio

      1. 1.90 fa effetto anche a me. Dal basso del mio 1.63, io mi perdo con uno alto!quindi accalorati spudoratamente che t’è concesso ^__^.
        Il mio first date??lasciamo perdere..ragazzo carino,ma io non sono pronta. Ho fatto quello che mi andava ma paragonandolo continuamente al mio ex (non esplicitamente sia chiaro, solo nella mia testa), e da venerdì ho ricominciato a volere il mio ex, come se tutte le cose che mi hanno portata a dire basta me le fossi scordate, mi sembra che solo lui potrebbe rendermi felice. Perchè nessuno è bello come lui, nessuno mi tratta da principessa come faceva lui. Dopo venerdì mi son fatta schifo. E ora voglio solo chiudermi in casa e piangere. E non so quanto resisto dall’inviare un sms al mio ex..
        Aspetto che tu ci faccia sognare con il tuo Dylan che per ora mi basta..
        Un bacione Vagy, buone feste!!

      2. eh si, tesoro. questo è un tranello che la nostra vagina ci tende spesso e volentieri.
        cerca di non mandare sms. se ti scappa, pace all’anima.
        arriverà il giorno in cui non ne avrai più voglia. e t’accorgerai di stare meglio, così.

      3. Tu sei troppo esperta!! Il 24 l’sms è scappato. Me ne son pentita subito dopo. Avevo paura rispondesse e ripartisse il tira-e-molla. Invece grazie al cielo non ha risposto. E io mi son sentita meglio. E ho imparato dall’errore. Mai più scriverò!! E so che ce la faccio ora, perchè ieri mi ha scritto lui. E io non sento il bisogno di rispondere. Non lo farò. Mai più, o almeno finchè non mi sarò staccata definitivamente. Lo scivolone in qualche modo mi ha insegnato qualcosa e ora qui non si punta solo a voltar pagina, ma a cambiare proprio libro!!!! L’ex è un capitolo archiviato. Ora lo so con certezza.
        Il first date invece ha avuto un second date. Andato decisamente meglio. Troppo. Perchè lui non vuole una storia, io nemmeno, troppo presto dopo 2 mesi e mezzo dalla rottura con l’ex. Però mi inizia a piacere davvero. nessun paragone, e quelli che ci son stati questa volta son stati in positivo. Vagy, mi sa che mi scotterò. Che noi donne se uno ci piace ci affezioniamo..
        Vedremo! Un bacio
        ps ma quanto mi sono mancati i tuoi post?? per fortuna sei tornata!!! ^__^

  7. A me pare bene. Gli piace la carne. Avete riso. Conosce Felllini. Va in esaltazione per un culo degno di essere tale. Ama “tanto, tutto”. Limonate come due adolescenti. E’ alto 1,90.
    Mi pare bene. Molto bene!

    🙂
    Culona? Sì e – finalmente – puoi fartene un vanto! 😉

  8. Grande, Vagina, faccio il tifo per te… e pensare che ho sempre diffidato dei social network da rimorchio! “Amarcord” è tra i miei film preferiti (pure io ho il dvd 😉 ) e, magari la tabaccaia no, ma la Gradisca è meravigliosa, goditi il complimento (e anche il resto) 😉

  9. sei meravigliosa! 😀
    e anche se a 30 e passa anni, single e col 1.90 in dotazione non credo ne siano rimasti molti( e coi capelli mi verrebbe da aggiungere),
    [e questo può essere fonte di interminabili e lecitissime elucubrazioni]
    credo valga la pena soffermarsi sulla citazione felliniana, sulla galanteria, e sul complimento!che uomo :))
    un abbraccio e buone feste

  10. Ewwiva! ^_^ Cara Vagy, tu sei tutta bella e curvy dentro e fuori e solo un idiota non potrebbe apprrezzarti ESATTAMENTE cosi’ come sei. (NB: Apprrezzo anche io l’uomo alto). Ti auguro delle megafeste stratosferiche con il tuo “mRBig” (o Mr Dylan ^_^). Un grosso abbraccio

  11. (moderami, eliminami, cancellami, scusami)
    dicevo, sciocco wordpress che per poco non mi fa perdere un racconto così.
    di un uomo così, che ti abbraccia così, che a leggerlo mi fa venire le farfalle nello stomaco.
    che cosa bella, vagina, che cosa bella.

  12. Senza dover ogni volta tirare in ballo la leggendaria tabaccaia o l’altrettanto celebre Sylvia/Anita Ekberg che fa il bagno nella fontana, straordinarie icone femminili ma la cui funzione (bisogna dirlo, molto secondaria) era quella di rappresentare il sogno erotico felliniano, ci terrei a ricordare, anche esempi più recenti ed anche meglio riusciti, di donne, che non si limitano ad essere immaginario, ma Donne a tutto tondo, intese come figure pensanti e addirittura parlanti, persone più che personaggi: dalla “grandiosa” (in tutti i sensi) Brooke Elliott di “Drop Dead Diva”, all’ancora più generosa Christine Hendricks di “Mad Men”, per non parlare di Romola Garai di “The Hour”, mia personale Dea in terra, oltre che la dimostrazione vivente di come, parafrasando Sharon Stone “non esista combinazione più letale di un bel culo dotato di cervello”. Curves & Proud!

  13. Premessa: ho letto il post del rabbit di mesi fa e del pussy giving tempestivo eh. mmm…
    non mi piace perchè sembra ti sia accontentata del primo che capita o peggio come se chi non possedesse un’audi, non avesse i pettorali e non fosse alto 1.90 non sarebbe appetibile o non avrebbe diritto ad una chance – equipaggiamento personale a parte.
    mi piace perchè tutto è stato così semplice, un turbinio di sensazioni che chiamo “vita”, un qualcosa che in qualche modo ripaga gli sforzi quotidiani… il tempo è prezioso, meglio agire subito anzichè aspettando le favole 😀
    …dopotutto domani è un altro giorno xD

      1. dal post sembrava fossi solo macchinone-pettorali-1.90 oriented, ma se non è la prerogativa, che ben venga macchinone-pettorali-1.90 come accessorio in più 🙂

  14. Ehi in bocca al lupo con Dylan :D, abbiamo avuto un’idea simile vista la scarsità di incontri (ah, io genio me ne sono andata in palestra dove??? via tortona…dove i maschi son più donne di me…)…mo dovrei vedere sto qua che per ora dice di voler uscire poi latita…ok, diamo la scusante delle feste va…solo che con me dovrà a vere la pazienza di un santo oltre che poco gusto…mission impossible 😛
    Cmq sia per Dylan…oh, poche paranoie se è libero o che altro, e se gli piaci ben venga …2013 meno paranoie 😀

  15. Ho appena scoperto il tuo blog…e questo è il primo articolo che leggo….STREPITOSA!!!Non riuscivo a smettere di ridire!!!Una scena tragicomica!!!Puhauhauahauhua!!!
    Mi sono rivista in molte delle cose che hai scritto sulla difficoltà ad incontrare qualcuno, l’eccedenza nelle proprie conoscenze di amiche fidanzate e amici gay, sul frequentare ‘social network patetici’ per incontri(le virgolette stanno a significare che ho un certa riluttanza a definirli tali…è vero sono un pò patetici…però ci sto pure io…no dai non lo sono;) e ancora sull’incontrare magari qualcuno di interessante su questi siti e cercare automaticamente di immaginare la nostra conoscenza altrove!!!…E poi il paragone con la tabbaccaia è tutto!Mi sono immaginata tutta la scena mentre ti leggevo…a proposito complimenti, riesci a rendere veramente bene l’idea quando descrivi qualcosa…che dire, in bocca lupo!
    Credo proprio che ci risentiremo presto!

    Tua futura assidua lettrice!

      1. ahahahahah ma và và! e anche fosse almeno passeresti una vita tranquilla sciolta e disinvolta…meno cose sai,meno problemi hai ! ahahahahah
        e ancora complimenti per il blog,è un ottimo modo per farsi quattro risate quando se ne ha bisogno. Oltretutto mi ritrovo perfettamente in quello che scrivi 😀

  16. è tipo da tre ore che sto davanti allo schermo, dopo aver visto per caso un tuo pezzo pubblicato, quello sulle tipe nate negli anni novanta. Che poi essendo dell’88 mi sono sentita pure presa un po’ in considerazione. Non ho capito se noi siamo considerate nemiche amiche o neutrali, no perchè quelle degli anni novanta stanno su pure a me, quindi grande stima su tutta la linea. Insomma fatto sta che mi sto a rileggere decine di post e che proprio non riesco a staccare. Il problema è che in teoria mi ero messa al computer per passare la notte a scrivere la tesi e mi ritrovo a mezzanotte con principi di palpebra calante e neuroni in letargo, e una vocina sottile sottile che bisbiglia “se se come no col cazzo che mo leggi più due lettere in croce di filosofia”. Però m’hai fatto ridere a certi livelli sorella, come non succedeva da secoli. Questa del culo felliniano ha vinto, e se ti sei fatta un sosia di Dylan Dog(che è impegnato solennemente con me dalla mia tenera età di dodici anni però ti perdono perchè non potevi saperlo) hai la mia stima. Amen

Parla con Vagina, Vagina risponde

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...