Caro Cupido Dimmerda

Questa è la settimana in cui cade San Valentino. Con “San Valentino” si intende quella disdicevole ricorrenza (apparentemente snobbata dai più) che impone al genere umano nella sua totalità, indistintamente a single e accoppiati, una lesiva sovraesposizione a cuori rossi di qualunque entità e materia, dal cioccolato alla piuma d’oca.

Per quanto mi riguarda, sono al terzo San Valentino consecutivo da single. Non uno. Non due. TRE.

Ora, il primo San Valentino che passi da sola, dopo la rottura della tua ultima relazione importante, pensi cose del tipo: “Cielo, un anno fa a quest’ora ero a depilarmi le gambe con venus di gillette sotto la doccia , che sicuro dovevamo fare all’amore di quello che proprio ti parte da dentro dentro, che ti guardi negli occhi fitto fitto, che ti dici minchiate romantiche all’orecchio ansimando e ora invece sono sola, lui non c’è, mi manca da morire, chissà con chi sarà, ecco vedi, morirò da sola di abbandono e stenti”.

eros

Al secondo San Valentino che passi da sola ti dici cose tipo: “Ehi, dai, sono solo 2 anni che sei single, mica 15! E poi scusa, significa che stai conquistando un’enorme consapevolezza di te stessa, cazzo se stai crescendo, stai diventando una vagina awannasgheps proprio, conscia dei propri pregi e dei propri difetti, capace di emozionarsi ma anche di camminare da sola, a testa alta, senza finire sotto la protezione del WWF come esemplare di cervide in via d’estinzione. Avanti, quanto sarà fortunato quello che verrà? Ma quanto? Che poi, vedrai, sarà un pene così cool che non la festeggerete mica questa festa da total loser. Sì, sicuro. Sarete bellissimi. Uniti e indifferenti. Praticamente due facce post-moderne della stessa medaglia radical e disorganica”.

Al terzo San Valentino che passi da sola, pensi: “CUPIDO, FAMMI CAPIRE, CHE CAZZO HAI DECISO? Cos’è, vuoi una tangente per sbrigare la mia pratica in tempi ragionevoli? Dici che ce la fai a farmi innamorare prima che, porchilmondo, la forza di gravità conduca le mie tette ad altezza ombelico? No, tanto per organizzarmi. Non voglio essere brusca eh, per carità, che le frecce all’arco ce l’hai te, mica io, però qui le chiacchiere iniziano a scarseggiare. Che me la faresti la cortesia di darti una spalmata di peperoncino calabrese in culo e mi scocchi questo maledetto dardo con un non-hipster alto almeno un metro e ottanta, capace di farmi ridere? O vuoi che venga a cercarti armata di lupara su per l’Olimpo intero? Grazie assai!”

No, perché a me va bene tutto, essere single 28enne a Milano, il lavoro, la casa, la palestra, il blog, gli amici, i weekend fuori, va bene tutto, veramente. Però, sai, non vorrei dirtelo, ma ci sono anche io, ci siamo anche noi. Anche noi che la nostra vita la viviamo sold-out, con il tempo tutto stipato di milioni di impegni e cose da fare, persone da incontrare, lavori da sbrigare. Ci siamo anche noi che forse manco ce l’avremmo lo spazio per un uomo in questa esistenza qua. Ci siamo anche noi che le bollette  le paghiamo per intero, mica al 50%, e che se vogliamo una borsa ce la compriamo da sole perché nessuno ce la regala. Ci siamo anche noi che l’amore usa-e-getta abbiamo imparato a farlo e che la relazione più appagante la intratteniamo con un sex toy, però, vorrei ricordarti, Cupido caro dimmerda, che siamo vagine anche noi. E che non amare, alla lunga, stanca. E che nemmeno Babbo Natale se l’è tirata così tanto quando gli ho chiesto la Nouvelle Cuisine (c’è qualche cosa in più!, state battendo le mani e cantando il jingle anche voi, vero?): alla fine me l’ha portata!

Snapshot_20131123_5_2
quello in foto è un broncio.

Vorrei ricordarti, caro Cupido dimmerda, che vinci facile a far accoppiare le persone lineari, quelle che sono progettate per vivere in coppia, quelle che hanno un ego pieno di buchi da far riempire a un altro ego pieno di buchi, perché senza una stampella al mondo non sanno starci. Mentre noi sai cosa facciamo, quando tu giochi a freccette coi dilettanti?, lo sai cosa facciamo noi anime tormentate? Ce li stucchiamo da sole, i crateri nell’anima e, nel frattempo, ci dimentichiamo cosa sia sentirsi sicure tra le braccia di un uomo, ci dimentichiamo cosa significhi essere una priorità per qualcuno e avere qualcuno che sia una priorità per noi. Ci dimentichiamo tutte le favole che finivano con “per sempre”, perché non viviamo nemmeno il “per un trimestre”. E questo perché tu, Cupido, perdi tempo a far innamorare gli altri, invece che noi. Lo capisci da solo che sei uno stronzo, no? Cos’è che vuoi? Vuoi farci diventare delle sciupa-uccelli ultraciniche con più pisello tra le cosce di quanto ne abbia il maschio medio italiano? Vuoi farci diventare delle disilluse anaffettive? Vuoi che crocifiggiamo Cenerentola in salotto come monito per ricordarci che l’amore è una cazzata? Che a noi non spetta? Che amare non è un diritto? Che siamo forti abbastanza da vivere senza condividere la vita con un compagno di merende? Che al nostro orologio biologico possiamo pure togliere le batterie che tanto campa cavallo?

Ripeto, è solo per organizzarsi, mica per altro. Ma se hai intenzione di scagazzarci a vita, tanto vale che ce lo fai sapere per raccomandata con ricevuta di ritorno. Che poi, nemmeno ti stessimo chiedendo lo sposalizio con 500 invitati nel castello di Isabella d’Aragona, con fuochi d’artificio e torta a 15 piani. No.

Ti stiamo dicendo che ogni tanto devi mandare un segnale anche a noi. Una bella serata, ma bella davvero. Un’emozione. La sensazione di aver di fronte un uomo di cui ci importi qualcosa e a cui importi qualcosa di noi, non solo uno con cui fare il tagliando alla passera. Qualcosa che ci faccia sentire vive per bene, dai capelli all’alluce.

Qualcosa che, centimetri a parte, ci faccia addormentare col sorriso e ci faccia svegliare l’indomani con lo stesso odioso sorriso.

Ecco.

Cheddici?

Ce la puoi fare?

Cordialmente,

Vagina

181 pensieri su “Caro Cupido Dimmerda

  1. sottoscrivo in toto questo pezzo, non avrei potuto scrivere lettera migliore ai quel pupotto di un San Valentino! A dire il vero una bella lettera pensavo di scriverla anch’io a sto imbranato di un angelo, due paroline qui, due paroline la e magari ci ascolta…. che ne pensi?
    Un abbraccio!
    Sa

      1. Bhe io proprio incolume non ne sono uscita..
        Sono stata scaricata per telefono la notte di san valentino, ma la parte più bella é che aspettavo di vederlo da quattro mesi.
        Bellissima esperienza, una di quelke che ti spinge a diventare una sciupaucelli bionda ed annaffettiva.
        Una spalmata di peperoncino calabrese in culo a cupido non gliela toglie nessuno

  2. Le batterie di missili in hi-ready, gli operatori ai comandi con i loro bei joystick sotto i pollici.
    I radar al massimo di allerta, sia mai che il bastardello abbia acquisito stealth tech dai cinesi.
    In sostanza, tutto l’armamentario del cazzo è in attesa del fottuto per sgommarlo dai cieli.
    Il mio spirito valentino di ‘sto cazzo è tutto qui.

    Ah sì, l’amore in effetti E’ una cazzata.
    Amen, sorella.

  3. Concordo in pieno ogni parola! Ti faccio capire come ho letto il tuo articolo: tazza di tea alla mano e testa che annuisce a ogni singola parola!
    😉
    Certo, basterebbe sapere le intenzioni di sto rintronato per organizzarsi un attimo, per capire se ci dovremo curare l’ulcera ancora per molto o no….
    Che stronzo che è, l’ho sempre detestato!!!
    P.S. Sono al primo San Valentino da single, e non vedo l’ora che passi sta settimana qua!!!!

  4. “..sono al terzo San Valentino consecutivo da single. Non uno. Non due. TRE.”

    Non son dirti a che numero son arrivata io, ma ti dico solo che se becco san valentino lo spiumo una piuma alla volta e gli lascio le ali nude 😉

    1. Eehehehe io ho perso il conto… Credo di aver fatto più San Valentino da single che in coppia… Quando lo trovi fammi un fischio che ti aiuto a scotennarlo…
      Ps sarebbe strano dover iniziare a festeggiare questa stupida festa cmq 🙂

  5. vag….io moh me metto a piangere oh…..sono d’accordo in pieno con la tua lettera…cupido ha rotto le palle….ma stando io al mio 2ndo san valentino single sai che ti dico mi do all’alcool e allo shopping di intimo che userò solo con me stessa…ormai l’uomo ci ho perso le speranze pare proprio che a 28 anni ormai sono una zitella incallita senza speranze….mi viene solo una parola da usare in questa situazione ma mi pare un po volgare…:)

  6. Secondo me appena ti togli questa frenetica ossessione che hai di trovarti un uomo, finisce che lo trovi sul serio. Se hai l’aura della “tipa a caccia di quello giusto” si sente e la gente scappa. In bocca al lupo.

  7. Il tuo post mi ha fatto scompisciare, complimenti! Tra l’altro ti ho scoperta proprio adesso. Sono sicura che Cupido abbia afferrato, probabilmente il prossimo San Valentino sarai qui a ringraziarlo e a rimangiarti u po’ di accuse nei suoi confronti 🙂
    Solo una piccola rettifica da parte di una fiera posseditrice di Nouvelle Cuisine, la canzoncina diceva “ha tante cose in più” (segue applauso finto da pianola Bontempi).

  8. Va bene, lo confesso: io non ho MAI festeggiato S. Valentino, nemmeno quando avevo un uomo accanto. Motivo: alle volte la distanza (chè quando hai 300 km fra te e l’uomo ed è tipo, martedì, ovviamente nun ce la fai a vederti), altre volte la non voglia di cadere nel tranello di fare la coppietta felice in un giorno dettato dal consumismo.
    Questo è il secondo S.Valentino da single. E ho intenzione di andare ad ubriacarmi con i miei coinquilini. Sti cazzi, no? 😉

  9. Oddio Vagi io un discorso simile l’ho fatto alla Cicogna. Facciamo così, tu parli a quella stronza per me io a Cupido per te. Magari per intercessione indiretta funziona, qua tocca provalle tutte! 😀

  10. Beh, questo lungo sfogo mi fa pensare ai tanti uomini che si chiedono che cosa vogliano le donne da un uomo. Le donne (quelle sane) vogliono un uomo che gli regali emozioni. Tutto qua.

    Insomma: un post la cui lettura è più utile agli uomini che alle donne.

  11. Quanto sei bella?!? (Assai, lo dico io!)

    Non c’è molto da dire, spero solo Cupido si dia una mossa.
    Nel frattempo, anche se non sono quelli che vorresti, tanti cuori sparsi per te da parte mia.

    ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

  12. Ahahahahahah il tuo post è troppo il TOP… Non sono single, ma sono una di quelle che del San Valentino se ne sbatte totalmente… Io l’amore lo vivo e lo dimostro 365 giorni all’anno, alla faccia di cupido… Non c’ho mai creduto in quell’esserino antipatico… e poi cara Vagy concordo con sblu, togliti dalla testa l’amore e vedrai che arriverà, te lo dice una che se lo è ritrovato davanti in un momento in cui tutto mi aspettavo tranne che lui 😀 e credimi, è ancora più bello… e poi sei una stra-gnocca cosa vuoi che ci metta ad arrivare? aspetta solo che ti dimentichi di lui… :* ti mando un bacione :*

  13. Ciao cara, anche se sono “accoppiata” non lo festeggio il S. Valentino perché mi sembra una stronzata…se ami non hai bisogno di un giorno per dimostrartelo….
    Pero’ si, c’e’ stato il periodo che pure io ci tenevo un po’ (tanto) a queste cose e quando vedevo che il mio amato bene “soprassedeva” alla grande, ci rimanevo un po’ (tantissimo) di cacca. Poi ho capito. Non serve, non serve davvero. Conosco mariti (o fidanzati) che portano le mogli o ragazze fuori a cena con tanto di rose e regalo prezioso…e poi le riempiono di corna….
    Meglio uno che te lo dimostri giorno per giorno….
    Come sai sono ultrapositiva nei tuoi confronti…e sono sicurissima che quando sara’, quello giusto intendo, sara’ fantastico e altro che S. Valentino….sara’ una festa per 365 giorni all’anno. Ti abbraccio

    1. tesoro la tua sicurezza compensa la mia sfiducia! 🙂
      tu ogni tanto passa di qui e ripetimelo. comunque la storia delle corna la dico pure io quando mandano i fiori così eh!
      meglio 365 giorni, come dici tu, sicuramente 🙂

  14. Dopo 4 San Valentini da single mi appresto a “non” festeggiarne uno in coppia….quindi, mia cara Vagina, molto raramente Cupido si risveglia, tieni viva la speranza! Da una che San Valentino l’ha sempre odiato e probabilmente continuerà a farlo..

  15. Carissima anche per me è il 3 San Lavandino da Single e infatti ho deciso di consolarmi con i miei attori preferiti quel giorno: streaming delle puntate dei telefilm in cui lavorano! almeno ne ho 2 tutti per me e senza spese che voglio dire se non lavori fa comodo ahahaha

  16. Personalmente, ho passato la fase del “sono incazzata con Cupido” (lo considero cieco – o con seri problemi di cataratta – e dalla mira inesistente). Mi limito a godere dei messaggi di qualche amante, che rivelano talvolta degli aspetti teneri. Ovvio, l’amore è un’altra cosa (non si discute). Ma prendo quello che viene, e ‘sti gran cazzi. 🙂
    Complimenti per il blog (molto ironico e piacevole!) e in bocca al lupo per la tua ricerca di un uomo..anzi Uomo (con la U maiuscola) 🙂

      1. Beh, se ragiono sulla tua (giusta) osservazione devo purtroppo ammettere che di bravi amanti ne ho avuti pochi. Alcuni mi sono stati vicino (si contano sulle dita di una mano, ma mantengo ancora, con loro, un rapporto di stima), altri sono stati talmente glaciali sotto il profilo emotivo ed empatico che hanno fatto vacillare la mia fiducia sul genere umano.
        Non so se quest’anno riceverò o meno degli auguri. In ogni caso, andrà bene. 🙂

      2. Ad onta del nick né sono amante (ora) né ti conosco.
        Però gli auguri anticipati (zio Alzheimer aiutami tu) te li faccio ugualmente ….per un santo a tua scelta 😉

      3. Grazie per gli auguri! 🙂
        Sceglierò il santo con attenzione 😀
        Confermo: non ci conosciamo, sono capitata su questo blog su suggerimento di WordPress. Tutto qui!

      4. Errore ….poiché si trova invariabilmente meno di quanto si cerchi, devi puntare in alto se vuoi trovare qualcuno mediamente accettabile. Se punti al minimo finirai certamente sotto zero 😉

  17. “CUPIDO, FAMMI CAPIRE, CHE CAZZO HAI DECISO? Cos’è, vuoi una tangente per sbrigare la mia pratica in tempi ragionevoli?” magari si potesse fare così! Comunque dopo 5 anni single ormai non ci faccio più caso!

  18. Un mio amico vignettista (unavignettadipv.it) tra i vari personaggi ne ha uno che si chiama Scupido: over 40, appanzato, capelli biondi crespi raccolti in una coda, barba sfatta (quella dei tre giorni) e quasi sempre un boccale di birra in mano.
    Mi sa che tu hai beccato proprio lui.
    Nei miei numerosi anni da single (quelli passati tra un matrimonio e l’altro, tra un fidanzamento e l’altro) ho passato diversi San Valentino in casa (che poi fossi in compagnia di qualche donna a cui si erano scaricate le batterie del coniglio è altra cosa). Ma pure quando ero fidanzato o sposato, una volta superati i 30 ho smesso di farmi attrarre dal vortice baci (Perugina), fiori, regalo, cena scadente in ristorante da mutuo per il conto, e per finire niente sesso a causa della cena scadente.
    In realtà io sono così snob da rifuggere tutte le feste “comandate”, incluso il mio compleanno (per questo il motivo in realtà è che non mi interessa ricordare di aver superato i 50), con l’alibi di vivere gli affetti a cui tengo sempre, e non solo quando sono calendarizzati.

  19. V. (che non sta per Visitors, ovviamente)
    sapere vedere il bicchiere mezzo pieno è una delle cose più importanti per una donna, seconda solo a sapersi dondolare con classe sul tacco nove.
    Riportato a te, pensa che palle dovere trascorrere un San Valentino melenso genere Mulino Bianco.
    Personalmente nella vita ho trovato ben più interessante festeggiare il 13 febbraio la festa dei fedifraghi che non l’orrendo san valentino, che poi San Valentino è stato il giorno della strage di gangster a chicago ben prima che diventasse festa degli innamorati, un motivo ci sarà.
    Circa il progetto Sciupauccelli, non sottovalutare l’idea e pensa per un attimo alla possibile utilità sociale se foste in tante a dedicarvi a questa attività; la diminuzione del livello di aggressività della comunità sarebbe palpabile, altro che diminuire le tasse, il nostro spread col resto del mondo andrebbe definitivamente a puttane ma saremmo tutti quanti più felici. con rispetto
    ps Crocifissione per Cenerentola e anche un bello spillone voodoo per Biancaneve che ho sempre odiato. E un superdildo per Crudelia De Mon così la pianta coi dalmati

    1. Ecco il tipo umano che mancava da un po’.. Alè. vagonate di cinismo..
      Vorrei proporti un ‘utile dicotomia. Hai mai pensato che tra il darlo\a via a caso e a caxxo e L’ essere profondamente passionali e consapevoli.. ci sia differenza?
      Vedi un po’ se hanno aperto banche di vagina compiacente.. penso di sì.. ;).
      Con simpatia.

      1. Il cinismo è semplicemente l’arte di vedere le cose come sono, non quali dovrebbero essere. (Cit.)
        A Genova nulla è compiacente, e soprattutto nulla è gratis. Le banche della vagina, in particolare, praticano interessi da usura.
        L’unico possibile accorgimento è quello di riunirsi in gruppi di acquisto solidale per spuntare migliori condizioni.
        Magari barattando il proprio impegno come donatore di altra banca. Quella del seme.
        Non sono stato cinico stavolta, vero ?

      2. Wilde è un autore strappamutande.. ottima mossa ;). W la Foca e w il baratto. .. Tra poco vengo a cantare- cioè a registrare a Genova- peffavore, non fatemene pentire.. Ora i miei amici sono dei signori. Lo sei anche tu? I hope so. Il cinismo non serve.. abbrutisce. Il dis-incanto sì aiuta ed è medicina.

  20. Per mia enorme fortuna sono a Londra, e quindi festeggerò un Sanvalentino cosmopolita con varia umanità inglese e non accoppiata.
    Poi comunque anche fino all’anno scorso non è che si facesse chissà cosa, ma se non altro c’era qualcuno di speciale col quale decretare “Che ricorrenza del cazzo!”
    Ora quel qualcuno non è più con me e venerdì sarà una serata tutta sushi. Alla faccia.

    Baci tesò. Sei stupenda, gorgeous, fabulous.

    Zia

  21. Adesso lo so che mi scavo la fossa virtuale da sola: amare è un diritto. Essere amati no. Non lo credo. È qualcosa che bisogna guadagnarsi, credo. Un obbiettivo da perseguire. Bisogna essere persone disposte a farsi voler bene. A questo punto le single diranno: “E perché io sto qua con filo spinato addosso a lamentarmi che nessuno mi si caga manco de striscio?” La mia risposta è “Boh, cazzo ne so. Io pensavo che sarei rimasta sola perché tutti mi dicevano che ho un carattere demmerda e poi un giorno un uomo l’ho trovato. O meglio, mi ha trovata.” Ma è stato un caso….

      1. Sai che non credo di poterlo spiegare in altro modo senza offendere qualcuno, anche se non voglio? Non bisogna pensare che essere amati sia un diritto. Non lo è. Bisogna essere disposti a farsi voler bene. Poi non so se i single non lo sono volontariamente o non lo sono e non se ne rendono conto…poi ci si infila nel discorso sull’accontentarsi e non lo voglio fare, perché non credo che accettare di farsi voler bene da un uomo che non è al 100% come lo volevamo sia accontentarsi….scusa, non riesco a spiegarlo in altra maniera…

  22. Ciao Vagina, è già da un pò che ti seguo e sei fantastica, ma questo post te lo devo proprio commentare… anche io sono al 4 san valentino da single e spero come te che questo benedetto si dia una svegliata con i segnali… ma sempre ci rimarranno i sex toys 😉

  23. E ti lamenti di TRE San Valentini sola? Pensa a chi ne ha passati molti di più o più da single che da fidanzato/a. Aggiungo anche che purtroppo a volte cupido bussa pure, ma trova chiuso proprio perché la vita che conduciamo ci porta sempre a dire che siamo occupati con “mille cose”, e siamo noi i primi a “non trovare le chiavi” per aprirgli la porta.

      1. Sempre facendo chiacchiere da bar, se lo sapessi realmente non daresti la colpa solo a “cupido” e al fatto che “non ti faccia trovare” uomini con quelle qualità, dovresti magari iniziare a pensare di sottrarre fra le “mille cose da fare” (espressione per uscircene “signori” sulla questione che abbiamo vite disordinatissime) il “lamento” e aggiungere al suo posto il “valutare con più apertura le persone che hai davanti”. Fidati che esistono anche uomini che non sanno neanche come attaccare bottone e non sanno arrivare ad essere “fighi” negli approcci, ma hanno tante altre qualità.

  24. Mi verrebbe da dire:”avete voluto de baisicol?” oppure “ma come? Non volevate essere le nuove testimonial della Denim.. donne che non chiedono mai?” Invece no, tutti devono fare un percorso, tutti.. Io credo che ti hai dovuto fare questo percorso per arrivare a dire cosa hai scritto qui nel post.. Questione di karma 😉

      1. ahahah ciao ms. Vagina! no dai, è stata una piacevole serata… tra l’altro abbiamo visto il Calice di Fuoco e ho passato la maggior parte del film a sbavare dietro a Viktor Krum… ma perchè non possono tutti essere come Viktor Krum? XD ahahah

      2. Ma poi sai che noia? Tutti belli e desiderabili, uno varrebbe l’altro…. ti mancherebbero le belle panze, i peli sulla schiena e le pelate francescane.

      3. beh, non disdegno un pò di pancino ma… la pelata francescana si può tranquillamente rasare no? E… le schiene pelose?! Tu apprezzi donne baffute o particolarmente gommose? XD

      4. Rasare? Un bel riporto alla Schifani!! Un po’ di ciccia non guasta mai, ma è soggettivo. Questo è il bello, quello che piace ad uno non piace ad un altro, e siamo tutti un po’ più contenti. 🙂 Te lo immagini un mondo di donne con tette e labbra rifatte, tutte uguali alla Minetti? Un incubo…. ma a qualcuno può piacere 😦 biodiversità plastica

      5. Il riporto!! Il vero maschio anni ’70, con il petto villoso, portava il riporto e le basettone! Voglio una campagna pubblicitaria pro riporto! Per la Minetti, la lascio volentieri a Berlusconi e alla gente come lui, quelli che si trapiantano i capelli invece di sfoggiare un bellissimo riporto!!

  25. Giuro che non me n’ero accorta che fosse quasi S. Valentino! Sarà che non guardando la tv non percepisco la pubblicità melense dei Baci Perugina (che magari qua in Crucchiolandia non esistono neanche) o magari non lo festeggiano nemmeno S. Valentino! Non che mi cambi la vita che sia l’ennesimo che passo dis-accoppiata o che cada di venerdì (sono andata a controllare). Però hai fatto bene a ricordarmelo, almeno non chiederò di uscire a bere una birra al tipo (con la fidanzata dall’altra parte del Globo Terracqueo) che ha deciso che essere amici non gli bastava, che sono troppo italiana per resistermi (?!?), almeno non farò la figura del: “What?! Valentine’s Day is today?!?!”. 😀
    Per quanto riguarda Cupido, sottoscrivo in pieno. E se magari mi manda questo qualcuno prima che mi scada il contratto qui, così decido cosa fare della mia vita, mi fa un enorme piacere. Che girare il mondo da sola è fattibilissimo, ma ogni tanto ci si annoia. 😀

      1. Ti farò sapere se usa il tempismo, con me, sto giro. Anche se sto valutando alcune opzioni che non debbano per forza coinvolgere altri individui.
        (Come sempre, d’altronde. Estote parati.) 😀
        Per il resto, magari uno non dico Normale che è chiedere troppo, ma perlomeno Umano, ce la facciamo questo giro, Cupido?!?

  26. m’hai letto nel pensiero Vagi…come sempre…
    sul numero degli anni in cui cupido si è “distratto” ti batto 5 a 3…cerca di non invidiarmi troppo :/
    comunque si…l’unico vero bisogno che si avverte è sinceramente quello di poter condividere le cose con qualcuno, che sia un sorriso, che sia una cazzata qualsiasi…alla lunga senti il vuoto crescere…e la vita caotica ti distrae per tutto il giorno…ma la sera a casa…beh…c’è bisogno di quel tepore che è diverso di quello dato da famiglia o amici…
    diciamo che il gatto se la passa poco bene 😀
    siamo “femminazze” come diciamo noi 😉 portiamo pazienza ❤

  27. A tutti quelli che hanno detto di non aspettarlo che così poi arriva… minchiate!
    Nella frase di chiusura della Vagy è racchiuso il nostro desiderio più profondo, forse l’unico: condividere un emozione, anche fosse solo per una sera… un mese… alla vita intera, poi ci pensiamo 😛

    PS: Ieri telefono al mio centro estetico per prenotare la deforestazione delle parti basse e malauguratamente butto lì: “per venerdì, il 14…” Il tipo mi dice: “ah, s. valentino, ma tu lo festeggi?!” cerco di cambiare discorso e lui imperterrito: “o sei come me, che festeggi s.faustino il giorno dopo?” ehm ehm…, come dirtelo: “Non festeggio niente”… va bene così???

    1. grande tesoro, tu hai colto tutto!
      i centri estetici: fonte di grandi gioia. a me per lo meno l’estetista non ha chiesto nulla. ho troncato la conversazione durante il massaggio con “adesso mi rilasso” e quasi m’addormivo!

  28. Cara,
    sta vita è attesa, partenze e speranze, aggiustamenti e futuri propositi.
    La felicità è desiderare ciò che abbiamo concedendoci di cambiare senza stare mai fermi, adattandosi a vari cazzi e cazzi vari. Si è quel che si è a 28 anni, a 48, a 58 e così via…
    Cupido non c’entra…, anch’io vorrei che passasse di qui a sfondarmi il petto, che mi facesse dimenticare di me perdendomi in un bel sorriso ma, niente, è passato, è andato via a far cazzate in mezzo a chi gli somiglia e non lo aspetta, in mezzo a quelli che abbondano in tutto e che prendono a prestito le cose che poi perdono e non restituiscono, quelli che la notte dormono sognando storie leggere e che si svegliano complicandosi la vita con poco o nulla e che chiacchierano e chiacchierano. Con questi, Cupido ci sguazza, non deve nemmeno far la fatica di tendere l’arco. Prende direttamente le frecce in mano e le lancia come se giocasse a bocce… Ormai non fa più niente… È flaccido e vive sdraiato sul divano con la sua freccia in mano. Prima o poi andranno a salvarlo quelle di case da incubo. Quindi… Lascia stare con questo Cupido… Tieni le orecchie dritte, gli occhi aperti e non trascurare nessuna dimensione.
    Ciao

  29. LOL 😀
    Io sono single da tanto tempo e, almeno in teoria, starei cercando l’anima gemella.
    Però non lo faccio attivamente, bensì ho deciso di lasciar fare al caso (da non confondere con il destino, occhio), se verrà verrà, altrimenti…
    Capisco di non essere Brad Pitt )quindi dovrei abbassare un attimo le mie pretese) ma non ci riesco.
    Non voglio solo una donna che mi piaccia esteticamente (secondo i miei canoni di bellezza) ma che condivida anche i miei ideali, i miei interessi e che , dulcis in fundo (ma non troppo…) che riesca a sedurmi con il dono della parola.
    Cosa farò a San Valentino da single?
    Mi sentirò libero di mandare baci a tutti i miei contatti femminili su facebook, solo perchè sono libero di farlo 😀

  30. post carino, però sai che ti dico? forse cupido non c’entra un niente, forse è solo colpa vostra se non vi innamorate del tipo ” non-hipster alto almeno un metro e ottanta, capace di farmi ridere”, perchè il tipo in questione al massimo ve lo tenete come amico, vi piace l’uomo stronzo, è innegabile, l’uomo che irrimediabilmente vi lascerà sole o che al massimo vi farà soffrire come bestie perchè avrà non meno di 10 amanti..

    “questo comportamento è la ragione per cui innamorarsi è così maledettamente difficile”

    1. No..io no.. giuro.. frequenta donne migliori e meno tontolone.. ,Matt suvvia.. che siamo ancora agli stereotipi? Ascolta nini: con l’ esperienza e un minimo di consapevolezza, gli stroxxxi li lasciamo perdere.. Ma mi sa che a te piacciono donne superficiali? Mica fioriscono Uranie e altre gloriose donne, come Vagy, ovunque..

  31. secondo me cupido è stato corrotto dai baci perugina prima e poi è stato psicologicamente demolito da quelle pubblicità che dicono “invia il suo nome e il tuo nome e scopri se è amore”…. ora è in qualche anfratto in california che si sfonda di cioccolatini e litri di vino rosso…. l’arco e le frecce son finiti maluguratamente in mano ad un branco di scimmioni…. è l’unica spiegazione logica…

  32. ahahahaha geniale come sempre 😀 A me la Nouvelle Cuisine non l’ha mai portata quel ciccione barbuto!! 😦 comunque quoto in pieno ogni singola parola che hai scritto.. e anche se l’anno scorso lo stupido cupido ha deciso di interrompere la lunga serie dei san valentino da single.. non festeggero’, promesso! continuero’ a guardare sogghignante le lunghe file dai fiorai e ad odiare le smielose pubblicita’ in tv.

  33. E dopo 4 anni? Perché io ci sono arrivata e (come si dice) vado per i 5 adesso.
    Nei tuoi post sembra di leggere quella parte di me che fingo di non conoscere.

  34. Ti ho scoperta da poco e sei già un mito per me! Eh… come non darti ragione? E’ proprio così, a furia di prenderci secchiate d’acqua fredda siamo diventate anaffettive, io personalmente non ho interesse per nessuno e ho cominciato a vivere storie soffocanti, in cui lui era presissimo e io volevo solo qualcuno che mi augurasse la buonanotte. Le uniche due persone di cui sono stata innamorata non condividevano i miei sentimenti e adesso cosa mi rimane? Nulla, a parte lo studio monotono e le amiche che mi dicono che sono scema, perchè non ho la forza di stare da sola e preferisco lasciarmi viziare da chiunque mi dimostri affetto piuttosto che aspettare un uomo che io ami sul serio e che mi ricambi!

  35. Riuscissi a rintracciarlo, quel Cupido urbiacone e scansafatiche, gliela pagherei pure la tangente che chiede!!
    E non è perché è S.Vanlentino, anche se certo è innegabile il mio malumore odierno, ma come dicevi anche tu questo andare avanti continuamente da sole, e riuscirci anche piuttosto bene, alla lunga sta diventando deprimente. Quest’autonomia vaginale, emotiva e generale sta cominciando a pesarmi moltissimo. Saper provvedere a me stessa, esser capace di fare tutto ciò di cui ho bisogno, e da sola, senza chiedere a nessuno di condividere il peso di ogni mia giornata, anche solo per sfogarmi, sentirmi per un momento al sicuro tra le braccia di un uomo… sta diventando un tormento silenzioso e quotidiano.
    Perciò, se mai ti capitasse di reperire il numero di telefono di quel maledetto con le alucce e le frecce rosa, fammi sapere, Vagina cara.

  36. Niente tragedie greco-romane. Ma c’è di peggio!
    C’è chi è solo al suo secondo “Singletino” ma vorrebbe fucilare Cupido perché nello sbrigare la pratica ha deciso di tirare una sola freccia.
    No ma grazie eh.

  37. Vagy sei assurta ormai al rango di Blogger venerabile e icona di stile e humour :).. Questa deplorevole -come dici tu- ricorrenza dà da pensare..
    Che vi devo dire? io sono nel limbo. E non mi muovo. Attendo. La freccia arriva. Mica siamo al supermercato.. Eppure sembra..
    Pur di apparire ganzi\ felici\ vincenti ci si inventa di tutto.. Ci si autoconvince.
    Invece io continuo ad alzare le aspettative, perchè poi non sarei in grado di recitare.. E persisto A non farmi commuovere dai “ritornanti”, ora amici, ora empatici o maturi..Palliativi ? certo, ma miracoli no..
    L’ imperativo categorico è Alzare le antenne, esseri umani, oltre che tenere vivi i sani istinti. E rispetto di sè e degli altri.
    La capacità di amare e di essere felici deve restare intatta. Certo i momenti no capitano a tutti. Vagy, sorridi!
    La Nemesi poi nel campo sentimentale è sempre attiva..e vigile. Stappate lo spumante!

    1. Standing ovation per te, Urania,
      leggo spesso le tue riflessioni e mi piacciono molto e, stavolta, sottoscrivo ogni parola, per come sei stata centrata, positiva, e assolutamente degna del tuo nick! 🙂

      1. Troppo buona. Sono l’ apolide di Wp.. imperverso, ma non voglio una casa mia( per varie ragioni menzionate altrove). Poi vedremo… Anche Urania cade.. e riceve improperi e sgambetti.. Positivi bisogna essere e avere la memoria luuungaaaaa!

  38. Sottoscrivo tutto quello che ho appena letto….La paura che mi attanaglia ed è l’unica a dire la verità è che alla fine mi accontenterò per non stare sola e per rispondere agli stereotipi imposti……Ma i miei standard ormai sono alle stelle……girerei volentieri con un cartello con su scritto “ASTENERSI PERDITEMPO”….ma credo che a volte il mio sguardo sia più eloquente delle parole….un piacere leggervi….e sapere che di donne con la testa funzionante ce n’è in abbondanza…..

  39. Uscito dalla ragazza con la perla all’orecchio (goldin hai fatto di meglio! al secondo piano andateci solo se vi scappa, a parte la toilette solo robe inguardabili, che poi vi rimangono in mente piu della ragazzina col turbante che si volta a gurdarvi) fatto a piedi viale indipendenza, tutte le vetrine piene di cuori, ragazzine in divisa spruzzavano profumi e ti ricordavano gentilmente la data cinguettando. Voglia di vomitare. Poi all’ esselunga di casalecchio incrocio un nonnino 85-90 con bastone che camminava a fatica, reggeva in mano un sacchettino di b.perugina, in autostrada mi son detto ecchecazzo! Comprato tubetto di baci blu, fatti 200km in auto tutto contento, ne abbiamo mangiati 2 dopo la trippa.

  40. Non è che sono sparito, Vagi, è che ho un po’ di impegni in più. Ma questo è irrilevante, ogni tanto (al momento giusto) torno per leggerti e ti ritrovo sempre e non mi deludi mai. Perché, come al solito, scrivi cose che penso anch’io, esattamente così.

    1. Mio caro, troppo facile. La Vagi è troppo buona e perdona sempre, noi no! Sei venuto meno a degli impegni, e senza un’accettabile giustificazione ci riuniremo e prenderemo seri provvedimenti!

  41. Ti capisco e sottoscrivo pure da “uomo” al suo secondo giro delle feste.
    Si, insomma, a patto che tu quel tizio che ti fa sorridere non l’abbia friendzonato giusto un paio di mesi fa, ‘ché di ‘sti tempi non si sa mai.

  42. Be che dire un analisi perfetta….non potevi descrivere meglio di così la condizioni di Single-indipendenti quasi trent’anni a Milano. Certo ci divertiamo…ma l’amore è un altra cosa! Siamo delle cenerentole moderne….indipendenti, piene d’impegni, con una vita sociale attiva….però in fondo anche noi sogniamo il principe azzurro!

Parla con Vagina, Vagina risponde

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...