VagiPolitik

La mia affezione ai movimenti politici italiani dura meno delle mie relazioni occasionali. Flirtiamo, qualche scambio dialettico, il limone (che in genere coincide con l’apogeo dell’eccitazione) e poi la performance orizzontale che si rivela il più delle volte deludente, al di sotto delle aspettative, per quanto modeste esse siano.

Poche palle, sono single: lo sono sentimentalmente e lo sono politicamente.

Per la politica, così come per gli uomini, a un certo punto ti chiedi: perché non me ne va bene nessuno? Cos’è che pretendo? Cos’è che m’aspetto? Devo essere io, il problema. Devo essere io troppo schizzinosa, se tutti gli altri riescono a dichiararsi renziani-berlusconiani-grillini-vendoliani-civatiani, e io no. Se tutti si fidanzano, e io no.

Il fatto è che non è semplice. Il fatto è che trovare un politico sano di mente, onesto, razionale, equilibrato, brillante, vicino al popolo, civile, è più difficile che trovare un trentenne single, intelligente, spassoso e sessualmente abile, interessato proprio a te.

Ora, partiamo dall’a-b-c.

ITALY-POLITICS-BERLUSCONI

Naturalmente non sono mai stata berlusconiana, sebbene io sia cresciuta nel segno di Italia 1: prima con bimbumbam, il Pupazzo Uan e Paolo Bonolis ante-sellerona; e poi con tutte le serie tv e le sit-com anni novanta, che non me ne sono persa mezza, dico mezza, da Otto sotto un tetto a Baywatch passando per Supercar, anche se Supercar ho il sospetto fosse anni ottanta. E a ben pensarci il primo impulso femminile l’ho avuto per Paolo Maldini, che resta di fatto il primo maschio ad aver conquistato le pareti della mia cameretta (per essere seguito negli anni successivi da Massimo Di Cataldo, poi Leonardo Di Caprio, poi Anthony Kiedis dei Red Hot Chili Peppers).

Ad esser sincera ho avuto un germe di berlusconesimo, quando nel 1994 avevo 8 anni e fui sovraesposta agli spot di Forza Italia con quel motivetto demoniaco, che venivano trasmessi sulle reti Fininvest (perché allora era Fininvest) con una frequenza tale che mi avrebbe danneggiata di meno ascoltare l’intera discografia di Ozzy Osbourne all’incontrario. Ad ogni modo, quando osai dire a mia nonna che mi piaceva Silvio, quella mi guardò con una tale disapprovazione misto disgusto, che recepii chiaramente il messaggio. Credo abbia anche invocato lo spirito di Lenin, poi, per guarirmi.

Da allora per me è stato evidente che non avesse alcun senso essere berlusconiani, salvo che non si fosse dei papponi, mafiosi, disonesti, ignoranti o rincoglioniti (tu che non sei d’accordo, forse dovresti abbandonare la lettura di questo testo e dedicarti a sport a te più consoni, tipo l’onanismo sul nuovo calendario di Raffaella Fico).

politik2_bossi

Non sono mai stata della Lega Nord, per ovvie ragioni, che esulano dalla banale evidenza che sono terrons e si concentrano, piuttosto, sull’impossibilità di scegliere  un partito i cui rappresentanti indossano boxer verdi e dichiarano d’avercelo duro. Del resto, si sa, chi si vanta da solo non vale un fagiolo e gli uomini sono come i cani: più son piccoli, più abbaiano, urlano, insultano, assumono derive xenofobe e razziste.

RIFIUTI: DE MAGISTRIS, DECRETO DELUDENTE E PILATESCO / SPECIALE

Va da sé, non ho mai simpatizzato né per Fini, né per Casini.

politik4_bertinotti

Di Bertinotti m’è sempre stata sul cazzo la storia che i nipoti andavano in costosissime scuole private, che siam tutti bravi a fare i prolet col culo degli altri.

politik5_capezzone

Dei radicali non saprei che dire, se non che in 30 anni non sono stati capaci di far legalizzare le droghe leggere, senza contare che avevano scelto come nuovo volto Capezzone che, santamadonna, cosa c’è da aggiungere?

politik6_prodi

Prodi aveva lo stesso tipo di appeal che avevano i Promessi Sposi quando s’andava a scuola.

politik7_bersani

Bersani era l’amministratore di condominio dei sogni.

politik8_rutelli

Rutelli ci ha lasciato in eredità la Palombelli, ommioddio la Palombelli, opinionista-editorialista e non so cos’altro e anche solo per questo avremmo preferito risparmiarci tutta la famiglia.

Costituente Pd

Su Veltroni evito di esprimermi perché, in fondo, un cuore ce l’ho anche io e, come diceva Benedetto Croce, dopo i 18 anni esistono solo due categorie di persone che scrivono poesie: i poeti e i cretini.

politik10_monti

Venendo a nomi più recenti: non sono mai stata montiana perché si capisce che l’austerità è poco sexy e che il tecnicismo non ha passione. E, in fondo, di lezioni dai professori ne abbiamo già prese troppe. E tra “chi si laurea fuori corso è uno sfigato”, “non dovete essere choosy” e “il lavoro fisso è monotono” io direi che ne avevamo avute abbastanza.

politik11_vendola

Non sono vendoliana perché come potrei sostenere il centralinista principale della hot line esclusiva riservata alla famiglia Riva? Come potrei sostenere l’affabulatore semantico che s’è venduto Taranto e i suoi cittadini con un’invidiabile retorica di sistema: bella la Puglia, i trulli, i taralli, la notte della Taranta, lu sole, lu mare,  lu ientu, l’inquinamentu, la diossinu dell’Ilvu, chi si ni futti di Tarantu. E lu pollu cusutu intu allu culu.

Pomezia (Roma), tappa Tsunami Tour del Movimento 5 stelle

Di Grillo rischierei di parlare fino a domattina. Mi limiterò a dire che il responsabile comunicazione dei 5 Stelle è Rocco Casalino, che è un personaggio così miserabile da obbligarmi a citare Fabrizio Corona: “Chi cazzo è Rocco Casalino?”, magari fosse uno sconosciuto! No, ma io dico, davvero, Rocco Casalino? E perché, santa la misericordia ladra, perché Rocco Casalino e non, chessò, Rudolf, che almeno con tutto quel bendiddio vi avrebbe portato più voti?

politik13_civati

E poi c’è Civati, che c’ho amici super appassionati, io, di Civati. Questi dicono che Pippo dice cose assai giuste e sensate, e m’avrebbero pure convinta, se non fosse che Civati conta come spade quando regna bastoni. Il ché va benissimo, se si ha quel genere di predilezione masochista per la sconfitta, che tipicamente caratterizza gli interisti e gli elettori del PD.

>>>ANSA/PD: RENZI, CHI VINCE LE PRIMARIE SIA CANDIDATO A PREMIER

E, infine, lui: Renzi Il Magnifico, l’unico uomo di sinistra che piace più a quelli di destra. Lui e la sua operazione di marketing con le  keywords strategiche, i tag e la meta fuffa: libertà, progresso, connessione, lavoro. Anzi: freedom, progress, connection, job. Altro che feeling, per lui è tutta “Questione di Credibilità”. Anzi: Matter of Credibility.

Ma anche volendo sorvolare sul fatto che il nostro Matteo ha un ego clamorosamente ipertrofico, sorvolando sull’aria da primo della classe  e anche su quella sua persuasione che sui libri di storia si leggerà più di lui che di Winston Churchill, ecco anche volendo sorvolare su tutto questo, come fate a non sentire un brivido di terrore che vi percorre la colonna vertebrale quando vedete, per esempio, che la sua proposta di legge elettorale viene difesa da persone come Daniela Santanché e Renata Polverini? Dico: non è chiaro che c’è qualcosa che non quadra? Così, per dirne una…

Stiamo a vedere ora come va a finire con la premiership.

Insomma, signori, la situazione è grave. Rappresentanza scarsa, senso d’appartenenza vicino allo zero. Forse dovrei fare un mio manifesto e creare un progetto politico vaginale e vaginocentrico. Del resto siamo più numerose, no? Se ci fosse un movimento che difendesse i vostri diritti, dalla maternità alla messa in piega, voi non lo votereste? Io sì.

Nel frattempo continuo a domandarmi: se non riesco a scegliere un partito o un politico per un mese, come potrò mai scegliere un uomo che mi fecondi, al quale legarmi per la vita intera, o buona parte di essa?

109 pensieri su “VagiPolitik

  1. concordo con te… non ci vuole l’uomo giusto.. che fino ad ora non si sa chi è… mettiamoci alla ricerca della donna giusta che si sa, in casa, chi sistema le cose e fa quadrare i conti di solito siamo noi…

  2. L’ultimo politico che ho ammirato era Lombardi, che rappresentava il baluardo di sinistra in un PSI asservito a Bettino Craxi. Da lì in poi ho certo votato, ma scegliendo il meno peggio del bigoncio.
    Quanto al partito è un po’ che ci penso, ed ho anche pronto nome e slogan: PPM (Pro Panza Mea), votatemi perché io faccia i miei interessi, è state certi che magari farò anche i vostri.
    Che dici, più o meno è come quello di Cetto Laqualunque? No, la mia idea è di molto precedente, ho i testimoni (e non quelli di Geova)

  3. Io, come con gli uomini, mi lascio perdere dai facili entusiasmi legati alle paroline dolci dei primi appuntamenti….
    Terribile il fatto che si vada quasi peggiorando.
    L’importante in amore come in politica, non farsi prendere dalla disperazione ed affidarsi totalmente al meno peggio
    Un matrimonio sbagliato è quasi meno dannoso di una dittatura e comunque più facile da risolvere
    Magy

  4. non mi piace parlare di politica in un “Luogo” come questo, di sicuro se non scegli nessuno dei sopra citati e non partecipi alle decisioni poi però, quelle decisioni, le subisci.. che è come dire io non la do a nessuno di loro.. ma poi comunque tutti si prendono il tuo c..o… scusa il francesismo…

  5. Ooohhh Vagy…… lascia stare la politica, che non ne esci viva. Dopo aver creduto in Craxi, Bossi, Prodi e Bersani ci sono ricascato pensando che Grillo fosse la persona giusta. Ma un Re non può fare combattere i giullari, in politica abbiamo bisogno di persone preparate, di tecnici e professori. Io avrei una soluzione: importare i politici dall’estero. Nessuna infiltrazione mafiosa, nepotismo o ricatti sessuali. Come per i campioni di calcio, li paghi, fanno bene il loro sporco lavoro, ti fanno vincere il campionato, poi appena capiscono come gira il fumo, ovvero un paio di legislature, li rispediamo a casa.

      1. Siamo italiani, non particolarmente capaci ad autogestirci, siamo abituati a essere dominati! Vivamo ancora con il feudo lomgobardo!!

      1. Perché? Non ce li abbiamo già i politici pedofili ed eroinomani? Come lo chiami un settantenne che va con le minorenni? E te lo ricordi il servizio delle Iene censurato che si occupava degli esami tossicologici dei parlamentari? Siamo messi peggio di quello che sembra….. Vagi come Cicciolina!! Ti vogliamo in Parlamento!!

      2. Odio il Berlusca, per moltissimi motivi. Ma la sua forma di “depravazione” è sostanzialmente differente da quella di un uomo che fa sesso con un ragazzino di 12/14 anni.

  6. Però dai… ridurre la politica e la comunicazione (avanguardista) del Movimento 5 Stelle a Rocco Casalino è come parlare di Megan Gale citando il pelo superfluo sulla tetta sinistra…

    Poi avere pregiudizi su una persona solo perchè 10 anni fa, quando era praticamente un bambino, ha partecipato alla prima puntata del Grande Fratello… quando il Grande Fratello era una novità e non solo una porcheria.

    E inoltre… su Casalino si è riversata la solita macchina del fango concertata dai media controllati dai partiti.

    E’ attuale il post a riguardo: http://www.beppegrillo.it/2014/02/la_verita_sullintervista_de_le_iene_a_rocco_casalino.html

    1. ma questa palesemente NON è un’analisi politica seria e approfondita! su, dai, prendila per come va presa.
      detto ciò la mia unica risposta è: no ma cioè davvero, CASALINO?

      non perché abbia fatto il grande fratello, quando il grande fratello aveva il diritto di passare per “esperimento mediatico”. del resto lo conduceva la bignardi. ma io proprio chiedo: perché casalino? ha delle qualificheé? ha dell’esperienza? e tra la possibilità di avere un responsabile comunicazione preparato e dall’immagine linda e avere chi-cazzo-è-rocco-casalino, perché optare per la seconda?
      ma è puro gusto del dibattito. fondamentalmente casalino non è il fulcro di nulla, per quanto mi riguarda.
      e non nutro personale simpatia, ma questo trovo sia insindacabile.

      1. Ma ve lo ricordate quando faceva pomeriggio cinque? O quello che era, non ricordo…. imbarazzante, e se non ricordo male ha pure collaborato con Forza Italia. Lo metto alla pari della Carlucci in Parlamento. Beppe nazionale ha toppato!

      2. Premesso che se il post è soltanto ironico, beh allora hai sempre ragione tu 😀

        Per il resto..

        Perchè non Rocco Casalino?

        Rocco Casalino ha un curriculum che fa sbiancare tutti gli addetti alla comunicazione del PD e del PDL:

        1)MASTER IN ECONOMIA

        2)LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA E GESTIONALE

        3)DIPLOMA TECNICO COMMERCIALE

        Principali Esperienze Formative

        1)LICEO CLASSICO IN GERMANIA

        2)MASTER IN ECONOMIA NEGLI STATI UNITI

        3)CORSO DI GIORNALISMO – ESAME COME GIORNALISTA

        Principali esperienze professionali / lavorative

        1 INGEGNERE PRESSO LA MULTINAZIONALE AMERICANA EDS

        2)GIORNALISTA SU TELELOMBARDIA

        3)GIORNALISTA INVIATO SU TELENORBA

        CONOSCENZA LINGUE

        1)ITALIANO – MADRELINGUA

        2)TEDESCO – MADRELINGUA

        3)INGLESE – OTTIMO

        4)SPAGNOLO – OTTIMO

        5)FRANCESE – SCOLASTICO

        C’è di meglio?
        Sicuramente… ma bisogna selezionare tra chi si rende disponibile.

        Perchè non diventi un’addetta alla comunicazione per il Movimento 5 Stelle? 😀

  7. In risposta alla tua ultima domanda… Ovvio: non sarà un politico! ;D

    C’è sconforto, c’è stanchezza davanti a persone che preferiscono tenere al caldo il culo su una comoda poltrona piuttosto che agevolare il proprio Paese, tenendolo un po’ sollevato rispetto alla merda nella quale ci troviamo. E la storia è ancor più triste quando amministratori locali lottano, si insultano, comprano i voti e cambiano bandiera pur di mettere il santo deretano su una poltrona che porta 3000€ di debiti a un bambino appena nato…

    Ci vorrebbe un cambiamento radicale, e non alle poltrone, ma al buon senso della gente. ‘Ché, se questi qui ce l’avessero un po’ di buon senso, saremmo in un mondo migliore.

    Nel frattempo… VAGINA FOR PRESIDENT, e te l’ho detto più di una volta, eh! xD

    ♥♥♥♥

    1. ahahah dovrò seguire il consiglio prima o poi.
      ma infatti il problema peggiore è culturale. e cambiare la cultura, beh quello richiede tempo, pazienza e dedizione. ed è la vera sfida che abbiamo, io credo. dopo la sopravvivenza, intendo 🙂

  8. Applausi! Io ammetto che una volta ci credevo. Cioè, non è che ci credessi in maniera assolutistica, però ecco, un fondo di speranza ce l’avevo pure… E andavo a votare anche con piacere, quasi convinta che sarebbe stata la volta buona. Ora ho fatto voto di castità e son tornata politicamente single pure io. Mia madre ha da tempo adottato la tattica del “voto il meno peggio”, ma ormai son tutti ad un livello tale che, se votassi chiunque di loro, passerei notti insonne rigirandomi nel letto in preda al rimorso e al senso di colpa.

  9. Vagina Scrive: “Nel frattempo continuo a domandarmi: se non riesco a scegliere un partito o un politico per un mese, come potrò mai scegliere un uomo che mi fecondi, al quale legarmi per la vita intera, o buona parte di essa?” Io Rispondo: Stai tranquilla mia Cara… non è dirigendo l’attenzione verso queste scimmie vestite a festa che puoi GODERE di indimenticabili momenti di Vita privata e di Patria conquistata. Non è dirigendo l’attenzione su queste ” persone” che vengono scambiate per Politici quando NON SANNO COS’E’ la VERA POLITICA. Mantieni ogni goccia di Te indenne e infecondo dalla stupidità…perchè tu stessa sai che la stupidità è Vita apparente e morta già scritta. Tieniti preziosa non per qualcuno , ma prima di tutto perchè è un DOVERE oltre che uN PIACERE che fai a te stessa. Se sarai fecondata lo sarai per sempre… e non da tutte queste persone che si identificano in questi ” ominicchi” che altro non sono che una GIGANTOGRAFIA dell’ITALIANO MEDIO. Questi Partiti fatti da burattini… (TE LO STO DICENDO ADESSO e che tu ci creda o no non importa) sono già morti, semplicemente perchè non sono mai stati Vivi. Saranno rasi al suolo , per costruire qualcosa di nuovo che mai è stato fatto. Non mi aspetto che tu ci creda e non mi interessa saperlo. Ma Ricordati nel tempo…di questo scritto( non succederà domani) E tutti gli ” uomini” che credono ancora in queste scimmie che pensano a saziare il ventre, piuttosto che Amare il popolo e la loro Patria…saranno marchiati dalla storia che loro stessi si sono scritti. ” Scava una Fossa e ti ci butterai dentro”. LA LEGGE E’ UGUALE PER TUTTI. Mantieniti pronta e infeconda , tieni pulita la tua pelle…perchè non ti dico cosa verrà. Ma tremerai dal Piacere senza essere toccata…pensa se solo venissi… sfiorata. ma solo se avrai OCCHI e CUORE e non sarai una donna qualunque come uomini qualunque. Stiamo aspettando con infinita pazienza la loro Fine che lentamente si sta manifestando. Che la Storia si riversi su loro. OSSERVATORI in dolce attesa.

      1. La tua … una risposta prevedibilissima come tutte le vagine. Peccato.
        Le tipiche che non sanno di niente e sembrano tutto. Le stesse che quando vanno al governo fanno come quelli che ci sono già con il loro destino già scritto.
        Ti lascio con una metafora. Se il popolo che ha votato queste persone( TUTTE comprese le donne) sono pecore… un ammasso di pecore chi potranno mai votare per essere governate? (perchè le pecore vogliono essere governate perche’ da sole, ognuno non è in grado di autodisciplinarsi da se). Te lo dico Io: voteranno la pecora piu’ grande di tutte! Quella che tutte le pecore possono vedere e distinguere. Quella che sarà innalzata a celebrità e poi sgozzata e smembrata.
        Le pecore scelgono attraverso i loro limiti…la pecora MIGLIORE a ESSERE la PEGGIOR Pecora, la massima espressione di tutte le pecorelle piu’ piccole.
        I conigli scelgono sempre il miglior Coniglio a ESSERE CONIGLIO.
        Il Leone lo è per SUA NATURA SUPRIORE non per approvazione esterna. Ne basta uno per mettere in riga mille pecore. Ma le pecore non l’ hanno votato. le pecore non riconoscono il leone, lo temono e lo sentono per superiorità. E’ il gioco della vittima e del carnefice. Entrambi la faccia della stessa medaglia. Ora il popolo è vittima di questi inutili carnefici fattocci di se stessi…poi il popolo diventa carnefice e loro la viitime. E’ pura logica Elevata. la verità sta al di sopra. Se sei un Leone. guidi un popolo di Leoni che sono semplicemente in grado ognuno nella propria vita di essere padroni di se stessi. Cosi’ come è in alto eè in basso, cosi’ come è spotto è sopra. LEGGE UNIVERALE. Ciao Vagina… Grazie per la risposta.

  10. Brava; tutto grottescamente reale!

    Bella l’idea del partito Vaginocentrico.
    Paradossalmente avrebbe più elettori maschi che femmine … un po’ come Renzi, l’uomo della sinistra votato dalla destra (…che poi non mi ricordo quando abbiamo votato, ma vabbé).

  11. Cara Vague,
    la metafora (simpatica) voto-matrimonio centra e non centra: centra in quanto la fedeltà è implicata, ma non centra perché non è come nell’istituzione. Mi spiego: nel secondo caso è indicato segno di salute del rapporto una fedeltà reciproca, nel primo io posso cambiare voto senza un divorzio ufficiale; ma, ancor più, sono diversi i motivi della scelta, non omogenei né omogeneizzabili (per quanto esistano coglioni/e che han votato per preferenza calcistica o ormonale).
    Detto ciò, il problema di fondo è che ci fanno credere nel matrimonio ma sono tutti in convivenza più che aperta, ti svegli la mattina con una moglie e la sera vai a letto coi trans (a tua insaputa).
    In pratica ogni scelta è una non-scelta. Spero proprio il matrimonio sia differente in tal senso, almeno per qualcuno/a.
    Besos

    1. Mi sa di sofisma..Sei non sei filosofo.. ti sei travestito bene..o sei un cavillatore e un avvocato 😉 !!Domanda uranica e tranchante( come me ) per te
      ma la gente è sotto ipnosi all’ atto di votare o di sposarsi? Non sono vere scelte ecco N. Ci sono matrimoni sani e governi sani.. diciamolo su..

  12. Da sempre il corpo del “condottiero”, del capo in genere, è oggetto di morbose attenzioni e di entusiasmo assolutamente sproporzionato. Quanto queste attenzioni poi sgamano solo l’inconsistenza e/o la libido di molli molluschi di mezza età, l’incantesimo è bell’e finito.

  13. Questa galleria degli orrori fa venire voglia di emigrare.. Chi sarebbe adesso il meno peggio? Vi prego fate disamorare il popolo di Matteo Renzi.. Fatelo dire a noi, toscani, e a chi vive a Firenze, come amministra..
    Anche io credevo una volta.. in certi ideali.
    Più vaginocrazia per tutti: ci sto!!

  14. Non esistono soluzioni o bacchette magiche, noi siamo questa gente qui e fino a quando lo saremo, li avremo ampiamente meritati.
    L’italianissimo Mussolini durante un’intervista, alla domanda se fosse difficile governare gl’italiani rispose “Difficile? Per nulla! E’ semplicemente inutile”.

  15. Ma dai…. Anthony Kiedis assomiglia troppo a Ben Stiller, per essere preso sul serio!
    Cmq, io a 15 anni adoravo una sola cosa di Berlusconi: suo figlio. Adesso anche il Pier mi è caduto dal trono, niente da fare.
    Anche io avevo il poster di Paolo Maldini…. ad altezza naturale… lo sbaciucchiavo tutte le sere e dopo un anno, era da buttare. Sigh!
    (p.s.: si è capito quanto mi interessa la politica, vero?! 😀 )

  16. Non ti preoccupare io ho un uomo ma sono nella tua stessa situazione politica, quindi un maschio lo troverai, tranquilla.
    Ti supplico poi di fondare davvero un partito, credo che ne usciresti vincitrice e che tutte le donne sane di mente ti voterebbero.
    Concludo così: ho conosciuto una donna calabrese che non solo era di destra, ma addirittura leghista. Stendiamo un velo pietoso…

  17. Oddio, non è che mi rimanga molto da dire, hai detto tutto tu e bene anche.

    l’unica riflessione ch emi vien da fare è: “ma q questo punto, il fatto che una parte di me voglia diventare anarchica, influirà definitivamente sulla mia singletudine?” 😉

    1. ahahhaah sai come si diceva da adolescenti: anarchia unica via.
      è una soluzione estremamente affascinante, che tempo fa ho sfiorato anche io.
      solo che mentre diventiamo anarchiche finisce che ci inculano senza consenso. quindi non so, ecco, questo mi perplime.

  18. Udìo tesoro! Ho aperto la tua pagina e mi si è bloccata la digestione del toast mangiato alle due.
    E che qualche perla te la sei dimenticata, tipo la rossa… quella tutta cuore ammmore per i cani…la Bramby! O il brunetto Brunetta. O Angiolino Jolie Al Fano.
    Del boy scout che dovrebbe salvarci tutti metto come commento ciò che lui ha dichiarato di sé stesso: “So benissimo che alle primarie ho vinto perché gli elettori di sinistra si sono detti non ci rimane che questo: proviamo.”

    Vado a farmi un amaro Petrus, se esiste ancora.

    Bacissimi.

    Zia

  19. Ahahah! Troppo simpatica! Anche io nel ’94, all’età di 5 anni, abbindolata da tutti quei cartelloni che campeggiavano per le strade di Bari e spinta da quel nazionalismo e senso di appartenenza che accomuna i bimbi, urlai “Forza Italia” fuori dal finestrino. Mia sorella, molto più grande di me, mi incenerì con lo sguardo e mi disse di non osare mai più ripeterlo, perlomeno non con riferimento a Berlusca! 😉

  20. Pur non avendo una vagina, mi sono rivisto totalmente in questo scritto quindi direi: io ti voto se nelle tue promesse elettorali ci metti un uomo per me! Guarda, rinuncio anche alla qualità del “sessualmente abile”, o lo istruisco o chiudo un occhio. Fammi sapere! 😉

    Un saluto e complimenti per il blog (che io scopro adesso perchè arrivo sempre in ritardo, come minimo troverò il trentenne dei mie sogni quando io avrò già 60 anni e nessuna eredità da offrire ad un toy boy!)

    1. ahahah ben trovato caro!
      promesse sentimentali, per una questione di onestà, non posso fartene. ma studieremo qualcosa, vedrai.
      per te e per noi tutte.
      eserciti di toyboy deportati da qualche posto esotico, per esempio 😀

  21. Non volevo commentare, ma alla fine ho ceduto. Hai riassunto in poche righe la situazione esattamente com’è, nonchè come la percepisco anche io. Sulla vaginocrazia ho qualche dubbio, sia mai che poi ci ritroviamo una Santanchè qualsiasi a cercare di comandare. Però, sarò romantica, ma non mi rassegno a credere che siano tutti uguali, nè tutti dinosauri, morti o “da rottamare” (a seconda del gergo populista che si intenda scegliere).
    Ao’, che ce posso fa’? So’ giovane e romantica 😉

  22. Ma si, fuggi, vai negli U.S.A.! Il presidente é figo e ha una voce bella e poi, hai visto mai, puoi conoscere Leo di Caprio, George Clooney e tutti i più fighi del mondo.

  23. ogni tanto passo a trovarti, ti trovo in gran forma,
    i politici sono come i parenti e i prof, c’è poco da scegliere.
    Non voto dal ’94, anche l’astensione è una scelta inopinabile,
    da qualche decennio le Camere si sono trasformate in postriboli dove impazzano, porci, troie, ladroni, avvinazzati, servi della cupola finanziaria mondiale, storditi e sconvolte. Un’armata Brancaleone tragicomica.
    In parlamento ogni giorni si tengono le olimpiadi della demenza, mai podio fu più ambito.

    TADS

  24. 1) Bobo Craxi ?
    2) “…performance orizzontale”. Perchè orizzontale ?
    3) Eppure i leghisti terrons sono quelli più tosti. Un po’ come gli ex tossici che diventano i proibizionisti più inflessibili.
    4) Da uomo, riconsidera con attenzione Rutelli. Uno che riesce a trombarsi la Palombelli è un vero uomo.

Parla con Vagina, Vagina risponde

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...