Je Suis Alice

Se mi avessero detto che un giorno mi sarei sollevata in difesa di una donna bona, gnocca, topa, fregna e via discorrendo, avrei stentato a crederci.

E, invece, oggi sono qui in difesa delle bella Alice Sabatini, neo Miss Italia, la più figa del nostro paese. Sì, Miss Italia, quel terribile residuato di una cultura televisiva defunta che è stato declassato su La7, che è generalmente un canale che stimo, tra l’altro, sì insomma avete capito.

Schermata 2015-09-21 alle 21.43.35

La sventurata ha purtroppo fatto una dichiarazione infelice, strana, priva di senso compiuto e alquanto opinabile, durante la trasmissione di ieri, che l’ha resa immediatamente coglionabile dal Web Supremo. Giustamente, per di più, perché effettivamente ha detto una minchiata epica.

Tutti saprete a cosa mi riferisco, ma questo è l’antefatto (per chi vivesse su Marte o per chi seguisse gli aspetti seri dell’attualità, non le cazzateh tipo me):

Claudio Amendola interroga le 3 finaliste chiedendo loro in che epoca avrebbero avuto piacere o curiosità di vivere, potendo scegliere, tra tutte le epoche della storia del mondo. La nostra eroica Alice, chiamata a rispondere per prima,  dice che lei avrebbe voluto vivere nel 1942. Tutti restano esterrefatti. Però lei, audace, argomenta dicendo che siccome a scuola sui libri si leggono pagine, e pagine, e pagine sulla Seconda Guerra Mondiale, allora lei avrebbe voluto vivere quell’epoca, così, per vederla questa benedetta Seconda Guerra Mondiale, che sarà mai.  E’ come se ti chiedessero “Con che personaggio famoso scoperesti?” e tu dicessi “Jack Lo Squartatore, perché ci hanno scritto i libri e fatto i film e io vorrei proprio vedere com’era essere una puttana squartata nell’800 a Whitechapel”.

Ma non finisce qui.

In un’incontrollata e imbarazzante escalation di delirio ovarico, Alice si corregge, ricorda che ai tempi Soldato Jane era un modello di femminilità non ancora sdoganato, e aggiunge qualcosa tipo: “Anche se sono femmina, quindi nel caso sarei rimasta a casa, con la paura…”

E ride. Non fa una piega.

Poi la parola passa alle altre due ragazze aspiranti al titolo di più bella d’Italia, che rispettivamente rispondono che avrebbero voluto essere la Regina Elisabetta, in un caso, e Sofia Loren nell’altro. Inutile dire che resto affascinata dalla contemporaneità culturale di queste ragazze. Per Dio, avrei apprezzato di più se avessero detto che volevano essere Beyoncé nel 2003.

Schermata 2015-09-21 alle 21.57.11

Fatto sta che da ieri è un tam tam inarrestabile e la povera Alice è stata messa alla berlina. Che poi, sia chiaro, se non avesse detto quella vaccata oggi la metà di noi ignorerebbe la sua identità, o domani avrebbe già dimenticato il suo nome, quindi tutto sommato questa viralità le giova.

Pur tuttavia voglio spezzare una lancia a favore di Alice.

Voglio ricordarvi che Alice ha appena 18 anni.

Che è così bella che probabilmente non ha mai dovuto impegnarsi troppo per dimostrare che è anche intelligente. O magari è molto intelligente, ma era in costume, sui tacchi alti, in semi-finale per il titolo per il quale probabilmente è in ballo con trafile di concorsi da poco dopo le prime mestruazioni.

Insomma era emozionata, magari, e ha sfollato dicendo una cosa abbastanza demenziale.
Schermata 2015-09-21 alle 21.53.24

Io, una volta, a un colloquio di lavoro, ero più grande di Alice, tipo avevo 23 anni, e quando mi chiesero i miei pregi e i miei difetti, partii dai pregi ed esordii dicendo una cosa tipo: “Sono una persona molto critica, cioè dotata di senso critico, ma in senso buono”. Mi chiedo come mai non mi abbiano richiamata. E grazie al cielo non avevo il microfono in mano e non ero in diretta nazionale, mentre lo dicevo.

E non prendiamocela con Alice Sabatini, se non ha studiato abbastanza, che non si può dire che questo paesi premi la cultura più delle chiappe. E non sentiamoci tutti discendenti intellettuali di Umberto Eco, perché non lo siamo, e non lo siete. E anche se la diffusa ignoranza caprina che regna in tutte le fasce sociali e anagrafiche di questo paese, non legittima la superficialità di una miss 18enne, può aiutarci a contestualizzare, a essere meno di facili scandali.

E a pensare qualcosa di costruttivo su questa vicenda, per esempio:

RAGAZZE PERò PREPARATEVELE DUE CAZZO DI FRASI, ECCHECCAZZO!

CHE COSA CI VUOLE, PORCO CANE?! ESERCITATEVI, NO?

GUARDATELE LE DOMANDE CHE HANNO FATTO GLI ANNI PRIMA, TIPO LE TRACCE DELLA MATURITà. 

IMPARATE A ESPRIMERE DEI CAZZO DI CONTENUTI. 

TANTO FIGHE SIETE FIGHE,  SIETE Lì PER QUELLO, MA NON POTETE PESTARE MERDONI APPENA APRITE BOCCA!

NON OSATE CITARE LA “GUERRA”, Né LA PACE NEL MONDO, Né IL SOLE, Né I FIORI, Né L’UGUAGLIANZA. 

SIATE QUELLO CHE SIETE: GIOVANI DONNE DEL 2015. 

E SE NON LO SIETE ABBASTANZA, IMPEGNATEVI PER ESSERE Più PREPARATE E Più BRILLANTI.

PERCHé SAREBBE BELLO SE RIUSCISTE A DIMOSTRARE CHE UNA Può ESSERE FIGA E INTELLIGENTE, E CHE LE DUE OPZIONI NON SI ESCLUDONO VICENDEVOLMENTE. 

BASTA CHE ABBIATE ALMENO UNA COSA BELLA DENTRO LA VOSTRA PERSONALITà

E CHE SIATE CAPACI DI TIRARLA FUORI. 

ECCHECCAZZO. 

135 pensieri su “Je Suis Alice

    1. Gia’ ho sentito parlare di questo scandalo…a dire il vero l’ho letto da qualche parte via internet….abito ora in Germania e non avendo ahime’ ancora i canali televisivi italiani queste cose di ” cultura spiccia” non mi sono giunte….e che sara’ mai….in fondo dalle boccucce dei nostri politici sono uscite fuori cose ben piu’ assurde….vedi la BOLDRINI!!!!!!

      1. Boldrini?? Con tutte le cazzate dette in questi anni da Gelmini, Mussolini, Santaché con i loro mariti puttanieri…. vai a prendere come esempio la Boldrini? Partiamo dall’alto……

  1. Io ho rimpianto la banalissima frase “voglio la pace nel mondo”
    Per lo meno esprime un concetto positivo, non Voglio una c.. di guerra. Tesoro basta che attraversi il Mediterraneo, vai in direzione opposta a quella dei migranti e prima o poi ne becchi una di guerra.
    Mi spiace Io non sono Alice, né gnocca come lei, né stronza /stupida/superficiale come lei. E non lo ero neanche a 18 anni. Non dico che avrei fatto un intervento da standing ovation, ma così…

  2. no cioè io ho paura non tanto dell’ignoranza delle ragazze del 2015, specchio dell’italia del 2015 e poi non si può escludere a priori che non gli sia stato detto di dirlo per farsi notare, ma quanto del fatto che questa c’ha 18 anni e pare mia nonna.
    ed io ho 10 anni più di lei.

  3. Una ragazza intelligente non perderebbe molto tempo con questi concorsi….. come un ragazzo intelligente non si presenterebbe come tronista.
    Detto questo, non ho visto la trasmissione, mai vista in vita mia, ma lasciandola presentare su La7 dalla più antipatica delle italiane, la peggiore filo berlusconiana affiancata dal peggiore comunista maschilista e porco semi attore italiano sicuramente non ha alzato il livello culturale della kermesse.

    1. Non sono molto in accordo con te, stavolta. Nel senso che una ragazza intelligente e bella può sfruttare la bellezza come scorciatoia per poi far valere anche l’intelligenza …risparmierebbe un sacco di tempo e di delusioni.

      1. Nein!!! Nein!!! Nein!!! Fedi…. NEIN!!!!!
        Una ragazza intelligente non si abbasserebbe a questi sotterfugi ma sgomiterebbe con il duro lavoro per farsi strada….. e farebbe di tutto per rendersi meno appariscente possibile nel suo intento. Quelle che si approfittano della loro bellezza non hanno altre qualità da mostrare….

      2. Balle, intelligente e furba sfrutta le armi a sua disposizione …..certo non solo l’avvenenza, ma se aiuta perché non usarla?
        E non sono tanto sicuro che sia stata una gaffe involontaria ….

      3. sono d’accordo. una mia compagna di liceo molto bella si è pagata l’università facendo servizi fotografici come indossatrice. niente di eclatante , non è certo diventata famosa e neppure le interessava, ma ha sfruttato il bel fisico e il bel viso dei 19/20 anni perché l’aiutassero a diventare la professionista che è adesso. meglio che lavorare la sera in pizzeria come ho fatto io….

  4. non capisco se mi fa pena per le perculate epiche su tutto il web (ieri sera mi sono ammazzata con tutti i tag #AliceSabatini su twitter, fantastici!), se la ringrazio di tanta involontaria ondata di ilarità che mi ha svoltato la serata o se applaudire alla genialità del manager che le ha suggerito come non sparire dopo 30 secondi dall’elezione, inghiottita nel nulla cosmico degno del 99% delle “miss”. poi a parte i capelli corti, onestamente a cosa poteva puntare? E’ proprio un tipo banale.

  5. Questa volta dissento. Fresca di studi, emoziònati finché ti pare ma infila due neuroni e cavatela meglio. C’è da farsela sotto di più ad esame di maturità o universitario, che in un banalissimo contesto televisivo. Insomma, la domanda non era neanche da filosofia estrema, poteva starci anche un “che panino vorresti essere?” – “farcito con antrace, guttalax e merda” non è una risposta intelligente, nemmeno con la scusante dell’emozione. Discendenti di Eco magari no, ma Topolino lo abbiamo letto tutti. 😉

  6. comunque sia, mediaticamente parlando, questo suo presunto errore è stato perfetto invece, perchè le ha dato una notorietà che difficilmente avrebbe raggiunto in un solo giorno…. chi fossero le miss Italia precedenti mi è sconosciuto, quest’ultima, mio malgrado, la conosco.. un abbraccio anche a lei… ciao Vagina

  7. D’accordissimo, riadattando una frase di uno molto più importante di me: “Chi non ha mai sparato una cazzata a 18 anni scagli il primo giudizio”

    1. ahhaahaha esatto! come qualche mese fa quel 19enne no global squagliato. ogni tanto abbiamo bisogno di una causa in cui unirci, una causa social, e qualcuno addosso a cui spalare merda. che è a tratti divertente (perché i meme e le parodie sono un taglio), poi però qualcuno inizia a prendersi un po’ troppo sul serio sul suo ruolo di padre eterno giudice supremo dell’universo dalla sua bacheca Facebook. vabbè, mi sono fatta prendere.

  8. Io sono d’accordo sull’evitare un terrorismo intellettuale che puzza molto di insicurezza; capisco l’emozione, la giovane età, tutto quello che vuoi.

    Ma tu a 18 anni non sapevi cosa fosse la seconda guerra mondiale? Io sì, sinceramente, non fosse altro per i racconti dei miei nonni, oltre a quello che potevo aver letto o studiato.

    A me colpisce la leggerezza con cui Alice ha parlato della guerra, tutto qui.

    1. secondo me non stava proprio connettendo.
      comunque sì, avrei detto sicuramente una cazzata al suo posto. non questa probabilmente, ma un’altra 🙂

      anche perché io sui regimi totalitari del 900 ci ho fatto una tesina di maturità che non era richiesta, ma avevo troppe fotografie fatte in vacanza a berlino e norimberga. e dovevo pur sfruttarle 🙂

  9. Bah… I miei nonni mi hanno raccontato la seconda guerra mondiale, tuttavia questo non mi impedisce di andare a vedere film e leggere libri che parlano di quel periodo.
    E la domanda è: per quale motivo vedo film e leggo libri?
    E la risposta è: per capire cosa accadeva e cosa provava la gente durante la seconda guerra mondiale.

    Non c’è nulla di così “drammatico” o “stupido” nell’affermazione di Alice.

    E dirò di più, almeno a leggere il tuo racconto, lei è l’unica che ha risposto alla domanda. Una dice di volere essere la regina Elisabetta l’altra Sophia Loren… mica hanno chiesto “chi ti sarebbe piaciuto essere?” hanno chiesto: “in che periodo storico avresti voluto vivere?”

    Quindi almeno Alice la domanda l’ha compresa, le altre due no. E poi una vorrebbe essere una regina per guardare tutti dall’alto in basso? E l’altra una diva del cinema per essere adulata?

    Diciamolo francamente la domanda è di quelle fatte apposta per metterti in croce qualsiasi cosa si risponda. Ricordiamoci del detto attribuito a Richelieu e le sei righe scritte dall’uomo più onesto… queste sono le domande che ti fregano. Io almeno sono in grado di mettere nei guai chiunque risponde a quella domanda.

    Poi possiamo pure parlare del fatto che Alice è una giocatrice di basket professionista già da diverse stagioni e che si è diplomata in biochimica sanitaria, quindi magari non ha studiato storia in modo approfondito, perché “capire cosa si provava durante la seconda guerra mondiale” è quello che facciamo tutti quando andiamo a vedere un film su quel periodo.

    1. ma nessuno si sarebbe scandalizzato se lei avesse saputo argomentarlo per un decimo di come l’hai argomentato tu.
      il merdone è istantaneo. se avesse avuto 40 minuti per spiegare tutta sta roba probabilmente si sarebbe spiegata meglio.
      intelligenza e talento stanno anche nel calibrare la risposta in base allo spazio che hai per esprimerla, e a scegliere un argomento che entri in quello slot. ma è presto, questo alice lo imparerà o glielo insegneranno.
      e d’altra parte concorreva per essere una miss, non per essere un’opinionista-politologa-storiografa.

  10. Ok, io non vorrei attirarmi fulmini e tempeste che già ne ho da regalare a chiunque, ma, ogni mattina colaziono in un bar di fronte a una superiore quasi del tutto femminile.
    Insomma il livello medio E’ questo.
    Le speranze sono davvero poche.
    Ovvio che poi la colpa sia nostra, di chi non ha saputo spiegare a queste tapine che bestemmiare ad alta voce in un bar non ti fa più figa o più “grande”.
    O che citare a vanvera la seconda guerra mondiale non fa spostare l’occhio dal culo tonico cher mamma ti ha regalato.
    Anzi.
    Tra l’altro, gira una foto di tre tifose lituane prese sugli spalti la settimana scorsa durante Italia-Lituania.
    Ecco, il confronto con l’Alice è imbarazzante.
    Quindi, di viso sei un mezzo cesso, in più non colleghi il cervello.
    Beh vabbeh.

    1. mi colpisce il fatto che in così tanti la troviate cessa, lo giuro. cioè non è che sia l’icona della bellezza femminile per me, ma la trovo meno bambolona di tutte le altre, più androgina e mi pare una cosa più giusta. ma non so.

      1. ma infatti non è brutta per niente. E’ una bellezza femminile diversa da altre, ugualmente valida quanto le altre

  11. Siete tutti dei moralisti benpensanti del cazzo. Pensate di non esserlo, ma appena l’occasione e’ ghiotta vi buttate a condannare. E questa era una occasione ghiotta.
    Ma potra’ dire quello che le pare?
    E’ se viviamo in un mondo fatto di piattume, di benpensanti, di omologazione totale, e’ cosi’ assurdo pensare di voler vivere un un periodo storico animato da ideali e forti passioni? Meditate un po’ di piu’ prima di scagliare la pietra.

    1. vabbè questa comunque è la super-cazzola a posteriori.
      diciamo che l’imbarazzo è stato tangibile. e di quello si parla.
      però è anche vero che è stato estremamente interessante osservare le reazioni social-popolari all’accaduto

  12. Ha detto una vaccata? Se apriva bocca per dire una frase di buon senso nessuno l’avrebbe c@@@@a e amen. Così ha fatto versare fiumi d’inchiostro consumato tasti della tastiera.
    L’aver 18 anni non l’assolve come non assolvo tutti quelli che hanno strepitato.

  13. No Vagi, mi spiace ma questa volta non sono d’accordo con te. E’ vero che le vaccate le diciamo tutti, la gogna mediatica è sbagliata e l’Italia se ci si mette va giù pesante, ma usare il “ha 18 anni” per giustificarla non lo mando molto giù, perché a maggior ragione dovrebbe avere almeno un neurone collegato.
    E’ vero che non la metabolizzano tutti allo stesso modo l’idea della guerra (ti giuro che ho sentito cose davvero infime e avendo avuto nonni che l’hanno fatta e parenti che ci hanno rimesso la salute mi fa salire ancora di più la bile) e che ognuno ha i suoi gusti personali, ma qui è una questione di buon senso.
    Se voleva solo attirare attenzione su se stessa c’è riuscita in pieno, ma …aiuto! Ci sono argomenti e argomenti su cui fare ironia per fare la brillante in tv, questa è stata infelice come uscita.

    1. ma guarda secondo me è più inesperienza che ignoranza. più superficialità. più che era andata in tilt. ma poi è la mia impressione e alla fine della fiera c’è anche da dire che ora è passata na settimana, chisenencula più 🙂

  14. Sì ok l’accanimento del web che ha sempre dei risolti da popolo con i forconi, ok che ha diciott’anni e che era in diretta nazionale e che magari è talmente bella che non ha mai dovuto dimostrare di essere pure intelligente (é già qui ho le mie perplessità), ok la società ignorante di oggi ma nessuno l’ha obbligata ad andare a Miss Italia, ha 18 anni può votare, farsi un tatuaggio, prendere la patente, abortire, insomma sapeva quello che stava facendo per cui può prendersi tutte le responsabilità e possiamo dire che sicuramente non é una persona brillante.
    Come del resto è tipico nei concorsi di bellezza di tutto il mondo (YouTube é pieno di figuracce di Miss incapaci di rispondere a semplici domande).
    E poi santo cielo veramente fanno sempre quelle due domande messe in croce a sti concorsi

  15. Dopo aver detto “42” ha aggiunto un timido “mille….” e fatto un 4 con le mani. Secondo me voleva essere Cristoforo Colombo per scoprire l’America ma ha mischiato un po’ di numeri e, con un atteggiamento tipico da diciottenne emozionata e imbarazzata, non si è più saputa riprendere, combinando di fatto un pasticcio colossale. Questa è il modo in cui sono riuscita a giustificarla io.

  16. “E grazie al cielo non avevo il microfono in mano e non ero in diretta nazionale, mentre lo dicevo.”

    Secondo me qui hai centrato il punto, Vagy. Tutti diciamo cazzate, e a tutti capita di uscirsene con frasi infelici come quella di ‘sta tizia, ma nessuno di noi è in televisione mentre lo fa, e questo ci fa sentire più intelligenti. L’errore di ‘sta figliola è non è di aver espresso male un pensiero, ma di averlo espresso male in un mondo in cui esiste facebook.

    1. esattamente.
      io vedo persone incapaci di esprimere la benché minima abilità dialettica in situazioni molto più banali e a età persino maggiori.
      grazie a dio non mi capita spesso. ma mi è capitato e, come ho detto, anche come soggetto incapace.

  17. Ragazzi, scusate ma le notizie in Australia arrivano un po’ in ritardo per via del fuso. Ora che ho la situazione chiara … che popolo triste siamo!!! A imbarazzare una ragazzina di 18 anni… persino Striscia che la intervista per metterla in difficolta’ – giornalismo d’avanguardia!! La parte piu’ sqaullida e’ che l’Italia ha talmente tanti problemi ma il popolo Italiano si mobilizza e indigna solo per FREGNA E MINCHIATE, come sempre del resto. Buongiorno a tutti. E buona Italia!!!

  18. Nei commenti leggo molti luoghi comuni!Ragazze ma perché screditarne la bellezza?Non è questo quello che importa!La cosa grave è la minchiata che ha detto e che non deve assolutamente passare!È grave anche difenderla!Poco importano i tacchi la televisione l’emozione!Stiamo parlando della guerra che ha sterminato un popolo,ci rendiamo conto?Chissene frega dei tacchi e di tutto il resto!Non può passare una frase del genere.Stop.In un paese civile le avrebbero revocato il titolo,perché va bene che siamo a miss Italia,non superquark,ma quella è una cosa troppo grave da dire,persino per un concorso di bellezza (che poi non c’è niente di male nel voler emergere solo con la bellezza,e in più bellezza non vuol dire stupidità -penso che queste cose nel 2015 dovrebbero essere talmente scontate..mah)

    1. grave difenderla. frasi che non possono passare. stop.
      tecnicamente fino a prova contraria e finché ci va dialoghiamo di quello che ci pare, nel rispetto e bel buon senso.
      poi sono d’accordo sul fatto che le considerazioni sul suo aspetto siano secondarie.
      terzo contempliamo il fatto che sia stata essenzialmente una gaffe e che questo non faccia di lei il sergente hartman di Full Metal Jacket eh…

  19. Quando ho letto l’inizio del tuo post, ho pensato :-noo un altra che parla di miss Italia- premetto che come molti ho appreso la notizia dai social, e letta una\due\tre volte…. ho cominciato ad infastidirmi nel veder mille parodie, ma il tuo post l’ho trovato interessante, uno spunto di confronto… perchè ok ha detto la cazzata, ma posso anche dire fortuna che nella vita di tutti i giorni non siamo in diretta tv con un microfono in mano…

  20. Capisco e condivido il tuo pensiero. Ma resta il fatto che di fronte a una cagata come questa non è possibile non coglionarla! Il che le giova, come dici tu: almeno io ho saputo chi fosse quest’anno miss italia. Che altrimenti..
    Sono personalmente contro ai concorsi di bellezza. Ma al di là di questo, parla della guerra del 42 quando abbiamo la guerra qui a due passi e tutte le conseguenze le polemiche le bruttezze il dolore la povertà etc etc….. , non dico un giornale che lo devi leggere e capire, ma almeno una tv in camera l’avranno avuta per sapere che accade fuori no? Per guardare le immagini, dico.
    Al di là delle prese in giro per me rispecchia l’ignoranza e l’impreparazione che regna sovrana nei media (e anche altrove ahimè). So traggggica lo so. ciao cara! alla prossima! 🙂

    1. no invece io sono perfettamente d’accordo e più che indignarmi il 42, mi fa pensare che nessuna di loro – a meno che io non me ne sia resa conto – abbia pensato a fare un minimo riferimento all’attualità. perché la percezione che la guerra è un tema attuale, evidentemente, non c’è.
      ahinoi.

  21. Sì quando va bene l’Italia è mediocre e noi siamo stronzi, ma secondo me non intendeva 1942, ma proprio “42”, che è la risposta alla domanda fondamentale sulla vita, l’universo e tutto quanto. Solo che non voleva far fare brutta figura a Amendola, la Ventura e tutto il circo, quindi si è accollata la cazzata!

      1. La mia era una battuta ☺… Comunque anche a me striscia ha fatto miseria. C’è da dire che, per quanto mi riguarda, non è mai stato fulgido esempio di giornalismo.

  22. In verità non me la sento di mettere alla berlina lei quanto il sistema in cui viviamo. Tanto per cominciare non è giusto che si facciano domande di cultura ad un concorso di bellezza, perché? Perché è un concorso di bellezza. Se io facessi un concorso di bellezza non vorrei essere stressata da domande che richiedano un mio substrato culturale, che magari possiedo benissimo, ma non ho mai esercitato perché non volevo. INFATTI coerentemente partecipo ad un concorso di bellezza. Il che non significa che sono stupida ma che non sono interessata a partecipare con altro che non sia la bellezza. Non è criticabile questo.

    Se invece vado all’università da una vita, leggo di tutto perché sono curiosa e voglio arricchirmi, se scrivo, studio e leggo… magari voglio andare ad un concorso letterario e mi seccherebbe se mi chiedessero “cosa ne pensa dell’ultimo taglio di capelli di Miss Italia”.

    Si chiama libertà. Io possiedo la libertà di andare al concorso letterario (cosa accaduta) e non mi sento ignorante se non ho idea di chi sia Miss Italia o che taglio di capelli abbia. Invece la ragazza in questione va al concorso di bellezza fregandosene di sapere chi sia Angela Carter (e non sono nemmeno andata a pescare tanto indietro nella cultura, ho scelto il post-moderno, quindi relativamente attuale, come una possibile Miss Italia 2015).

    Credo che il bisogno unico dell’essere umano sia quello di sminuire gli altri, soprattutto se sono donne. Certo io ho riso quando ho letto le sue parole, ma io ho avuto un altro tipo di formazione che mi sono scelta da sola, esattamente come lei ha scelto la sua di formazione. Quindi non mi sento nella posizione di giudicarla. Mi fa solo tristezza che si aggredisca così tanto una donna che non ha le armi per combattere. Questa è un po’ vigliaccheria… non è essere più colti. Sono sicura che nessuno sa nemmeno un nome di tutte quelle donne che hanno fatto la Resistenza e delle quali Miss Italia ignora l’esistenza. Noi non siamo diversi da lei, siamo solo più fortunati a non dover parlare in TV. Certo la scelta di parlare in TV è stata sua e da persona matura come tutti noi ne dovrà affrontare le conseguenze, ma mai avrà da me (anche se non sa che esisto) un attacco gratuito. Non condivido i concorsi di bellezza ma appoggio la libertà di agire e prendersi le conseguenze di ciò che si fa, come lei tutti noi. Siamo tutti uguali ma con strumenti diversi in mano per costruire la vita.

  23. E’ geniale, se saprà gestirsi il personaggio, alla Razzi o alla Totti, e fare della caprosità un bene prezioso (anche se tra cinque anni sarà ingegnere elettronico, ne dubito ma non si sa mai), potrebbe uscire dall’anonimato.

  24. A parte il concetto personale di bellezza e la giovane età secondo me a scuola non ascoltava proprio Vagy; ma se vuole posso farla parlare con chi quell’anno lo ricorda bene….forse perché è ebreo….

    1. non credo serva scomodare l’ebreo della seconda guerra mondiale. basta guardare per strada o nei centri di accoglienza.
      la guerra di oggi non vale di meno di quella di ieri. anzi. anche se non è proprio dentro casa nostra (nel senso che non l’ha distrutta)

  25. intelligenza e bellezza sono compatibili e non dovrebbe esserci bisogno di MIss Italia per saperlo.
    la sua bisnonna che è ancora viva e le racconta della guerra aveva 18 anni nel ’42 cioè la sua età adesso, lei era curiosa di vivere quel che ha vissuto la parente, solo che si è spiegata male tutto qua quindi la cagnara contro di lei sui social media è eccessiva e degna di miglior causa.
    detto questo, considero Miss Italia qualcosa di anacronistico ma certo non penso che chi vi partecipa sia necessariamente un’oca, non lo penso neanche di alice sabatini nonostante la gaffe. E comunque Mike Bongiorno sulle gaffe ci ha fatto una carriera e tutti a osannarlo, questa ne fa una in preda a una comprensibile emozione e tutti a massacrarla.
    Dalla polemica sulla gaffe di Miss Italia parrebbe che l’Italia sia piena di gente che adora la cultura e detesta l’ignoranza..bene, spero che questo amore per la cultura venga tirato fuori anche quando serve davvero intanto noto che la maggioranza (non tutti per carità) dei nostri calciatori è ignorante come una merda e non vengono stigmatizzati con la stessa cattiveria riservata a una diciottenne giocatrice di pallacanestro.
    Ho scoperto pure che l’Italia è piena di gente che conosce la Resistenza e il contributo femminile ad essa, tutto molto bello, però forse questa passione civile sarebbe il caso di esercitarla in altre occasioni. Di un Paese che si ricorda delle partigiane solo per bollare d’infamia una ragazza io non so che farmene, anzi sto Paese mi fa pure un po’ schifo.

  26. Leggo con molto ritardo ma ho letto su questa ragazza un sacco di cattiverie fiorite su quel luogo che per me è Il Male assoluto, e cioè Facebook. Capirai…tutti bravi a fare gli stronzi dietro una tastiera, le ragazze poi sono state le più feroci.
    Capita la querelle mi pare che la ragazza non l’abbia sparata poi così grossa, è che è andata a toccare un Argomento Sacro, la guerra appunto. Ciò detto penso che Alice rappresenti, dal punto di vista culturale, la media delle ragazze della sua età. Il suo più grande torto? Essere bella, e non è sempre vero che alle belle si perdona tutto.
    O.T: comunque una giuria con personaggioni del calibro di Amendola… 😦

Parla con Vagina, Vagina risponde

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...