I 30 anni e l’egosbattimento

Ci siamo, li ho compiuti. Ne ho 30 baby. Trenta. Net Net. Tond Tond.

Trent’anni. Mica male.

Se non fosse per quel dettaglio trascurabile che i 30 anni ci mandano in una particolare forma (piuttosto furiosa) di sbattimento, meglio noto come egosbattimento (perché è costituito da una mole di masturbazioni mentali incontrollate, egoriferite, autoreferenziali e deliranti).

Tecnicamente tutti (ok, non tutti, ma molti), uomini e donne, veniamo assaliti dalla paranoia di dover decidere tutto della nostra vita nel giro di un mese, tipo: che lavoro vogliamo fare davvero, dove, con chi, se vogliamo andare a vivere insieme, cambiare casa, comprarla (ahahah) o affittarla, se vogliamo figliare, oggi, domani oppure mai, se vogliamo prendere un fidanzato, se vogliamo prendere un gatto, come gestiremo l’invecchiamento dei nostri genitori? Come sopporteremo una vita in cui forse non avremo mai un giardino con il prato all’inglese, pur essendo cresciuti negli anni novanta sotto l’egida degli stereotipi Fininvest? Come faremo a essere adulti noi che del presente non abbiamo certezza e che siamo generazionalmente con le pezze al culo (tipo che – ad oggi – andremo in pensione non prima dei 75 anni e con 2 arachidi mensili, lorde)

Tante belle pugnette, all’occorrenza inevitabili, che ci soffocano e ci fanno perdere di vista cosa c’è di bello in questi 30 anni, perché in fondo 30 anni non sono mica una cattiva età, vediamo perché:

12238066_10208552365876050_1943832562797454103_o

  1. Sei grande abbastanza per decidere della tua vita, per iniziare a fare ciò che davvero vuoi e non ciò che gli altri vogliono tu faccia. Puoi assumerti le responsabilità delle tue azioni ed essere abbastanza credibile agli occhi degli altri.

2. Hai fatto un pezzo di strada sufficiente ad avere una buona sicurezza in te stesso/a, ti sei già dimostrato alcune cose e per quanti siano gli obiettivi che ancora non hai centrato, stai sicuro che ne hai già beccati diversi.

3. Sei, d’altro canto, ancora abbastanza giovane da pensare che tutto può succedere. Puoi ancora trovare l’uomo della tua vita. Puoi ancora andare a vivere all’estero. Puoi ancora fare bunjee jumping, se ci tieni.

4. Le persone che ami, bene o male, ci sono ancora. A volte, tutte. O quasi. E nonostante gli acciacchi, puoi tornare a casa e incontrarle, puoi alzare il telefono e chiacchierarci, puoi godere ancora della loro presenza, anche se in un modo fisiologicamente diverso rispetto a quando avevi 17 anni, ma grazie al cielo.

5. Puoi comprarti delle cose e concederti dei benefit e quando viaggi non sei più obbligato a dormire negli ostelli putridi col cesso al piano. Puoi farlo se vuoi, ma per scelta esistenziale, non perché non hai alternativa perché per 1 settimana di vacanza hai in tutto 350 euro. Puoi preferire i treni alta velocità, dopo anni in regionali o in autobus Marino. Puoi scegliere di farti tagliare i capelli da un adepto di Coppola, invece che dal rampante parrucchiere tarantino (che, a me, 3 anni fa, mi ha fatto i capelli arancioni invece che biondi).

6. Puoi ancora sopravvivere a una sbronza, anche se con più difficoltà. E puoi fare l’alba con gli amici perché hai ancora degli amici piacevolmente fancazzisti, che non hanno prole al seguito.

7. Puoi ancora usare i tacchi alti senza restare irreparabilmente paralizzata, e le minigonne, se lo ritieni opportuno. Un po’ come gli uomini che possono andare in giro con le magliette comprate ai concerti e non sembrare ancora “quello ci è rimasto sotto“.

8. Puoi ancora pensare che il tuo corpo sia giovane e fare delle cosa da giovane, come andare a un festival musicale in mezzo ai 20enni, o giocare a calcetto, facendo più fatica di loro, ma ce la puoi fare.

9. Sei ancora chiavabile. Anche se sei invecchiato o invecchiata. Anche se prima non avevi quelle rughe, anche se avevi il doppio dei capelli, anche se non avevi traccia di cellulite, mentre adesso c’hai un cratere di ritenzione idrica sulla chiappa destra che fa spavento, che altro che buccia d’arancia, si potrebbe dire che hai un agrumeto addosso (seguirà una digressione sull’invecchiamento al femminile e quello al maschile).

10. Sei all’inizio della tua vera vita. Quella in cui sei libero di decidere chi essere e come esserlo. Sei al limite del seminato nel quale fino ad ora hai mosso i tuoi primi passi da semi-adulto, facendo tutto ciò che era prevedibile tu facessi: studiare, impegnarti, prendere bei voti, laurearti, trasferirti al nord o all’estero, lavorare, sopravvivere ad anni di contratti precari (perché chi ha 30 anni oggi si è fatto tutta la trafila dei possibili co.co.pro e co.co.minchia), iniziare a mantenerti, cambiare abitudini, evolverti. Adesso tocca a te. Non solo al tuo impegno, ma anche alla tua immaginazione, al tuo coraggio, alla tua onestà con te stesso. E questa adrenalina, di chi è al centro della propria vita, di chi decide cosa essere, scansando un po’ di pressioni sociali e di aspettative etero-indotte, se riesci a coglierla, è splendida.

E allora dall’alto dei miei 30 anni appena compiuti (per i quali però ho iniziato a fare training autogeno almeno 5 mesi prima) mi sento di dare questo suggerimento ai miei compagni di generazione: godiamocela questa età. Godiamocelo il mentre, questo momento rubato, in cui tutto è ancora abbastanza accettabile e noi abbiamo la forza di sostenerlo. Godiamoci persino l’incertezza, la sospensione, la possibilità. Godiamoci il primo peso di questa maturità.  Godiamocela e usiamola per capire, se mai, a cosa teniamo davvero. Come per fare un favore a noi stessi e costruirci una vita come ci va. O che assomigli, in qualcosa, alla vita che ci va. Senza ansia. E so che è impossibile dire “senza ansia”, a noi, che siamo una generazione sommariamente afflitta dall’ansia, e non perché siamo stronzi ma perché ci hanno tolto tutti i cuscinetti sociali, culturali e morali che a loro, a chi c’era prima, permettevano di gestirla meglio, questa tensione di crescere e questa prestazione di vivere.

Ma non dovremmo permettere, all’egosbattimento fisiologico, di toglierci il bello che c’è. Qui ed ora.

In questo momento prezioso e raro, scomodo e stretto. Schiacciato malamente tra il peso – o il mito – del passato e le incognite – o le sorprese – del futuro.

Le. Belle. Sorprese. Del. Futuro.

Volevo lasciarvi con questa meravigliosa effige di me medesima che ballo "Cicale Cicale"
Volevo lasciarvi con questa meravigliosa effige di me medesima che ballo e interpreto (con un certo trasporto) “Cicale Cicale” di Heather Parisi, alla festa per il mio trentesimo compleanno, gentilmente ospitata dal mio amico imprenditore che ama definirsi tale, nel suo attico.

Vagi Avventure nel Mondo #1 – IBIZA

Avete presente quando gli zii vi obbligavano a vedere le diapositive dei loro viaggi, accompagnate da ultra-didascaliche narrazioni dei momenti salienti, e a voi giustamente non ve ne fregava una minchia?

Bene, è quello che sto per fare anche io, raccontandovi la mia Ibiza 2015.

  1. Primo giorno a Ibiza, piove

Non facciamone una tragedia, non è che sei appena arrivata su un’isola dell’arcipelago delle Baleari nel Mar Mediterraneo a inizio agosto per trovare il bel tempo! Forza e coraggio, andiamo al mare di pomeriggio (a Las Salinas mi pare, un posto che se lo vedi in foto pare fichissimo, poi arrivi e dici “vabbè ma questo è tutto?”). Alle 18 fa così freddo che io ho la pelle d’oca e le mie amiche milanesi si rivestono. Prima di andare facciamo una pausa al bar, dove oltre a spendere 5 euro per un caffè, incontriamo una fauna quanto mai assortita di cui, per me, l’esemplare vincente è comunque lei:

Schermata 2015-08-31 alle 22.27.12
Una turista che voleva essere Nicole Minetti

Intuisco il tenore della vacanza quando la prima sera non andiamo a ballare.

2. Il secondo giorno a Ibiza c’è il sole.

Spettacolo. Decidiamo di andare a Cala Nova, con il taxi perché siccome siamo milanesi inside abbiamo deciso che ci muoveremo solo in taxi. Tanto siamo in 4, siamo in Spagna, costano poco.

Spendiamo, così, una cifra imponderabile per raggiungere la nostra destinazione, che era in effetti molto bella, se non fosse che era esposta sul lato dell’isola dove quel giorno c’era mare demmerda. Ma proprio demmerda, con mini-tsunami fatti per metà di acqua e per metà di ALGHE. Tipo che i turisti tedeschi (o olandesi, o svedesi, o danesi, insomma quelli bianchi-bianchi e molto biondi) uscivano dall’acqua ricoperti di ALGHE, ovunque, anche in faccia.

No, questo era davvero troppo per noi, infatti non ci siamo fatte il bagno e siamo piacevolmente rimaste 4 ore sotto il sole senza uno straccio d’ombra a rantolare. Il tutto cospargendoci di almeno 3 creme diverse,  a seconda della zona del corpo, protezione minimo 30. Perché io valgo.

La cosa bellissima, in compenso, di cui abbiamo potuto godere a Cala Nova,  è il baretto gestito da ragazzi napoletani (o, per lo meno io, me li ricordo tutti con l’accento napoletano), poco più su. Un’atmosfera piacevolissima, accogliente e rilassata. Se mai ci passerete, capirete cosa intendo dire.

io che mi sento fica al baretto di Cala Nova
io che mi sparo le pose al baretto, che ho appena scoperto essere il Ristorante Punta Verde (dove io però ho mangiato solo un toast alle 17)

Prendo definitiva consapevolezza del tenore della vacanza quando anche la seconda sera non andiamo a ballare. Non riesco a non pensare che a 20 anni, la seconda sera, a Ibiza con la mia amica Vagignocca, ci ritrovammo su una nave piena di arabi e bionde, a ubriacarci di champagne e a far mattina ballando. E no, non l’abbiamo data a nessuno. Però, per l’appunto, c’avevamo 20 anni, non 30.

In compenso, adesso ho un’enciclopedica conoscenza di tutte le farmacie e di tutti i negozietti del porto, tipo che se vuoi fare le collanine a Ibiza, posso spiegarti anche dove andare per comprare pietre e accessori vari.

3. Il terzo giorno a Ibiza, mi viene il ciclo

Il programma della giornata prevede di andare al mare a Playa d’en Bossa e poi direttamente a ballare all’Ushuaia. Dopo aver superato lo shock indotto dal fatto che le mie amiche milanesi volessero portarmi a ballare roncia di salsedine, direttamente da mare, mi sono armata di un kit di sopravvivenza per la giornata (nonché di innumerevoli tampax e salviettine) e sono andata incontro al mio destino.

Ci siamo stanziate sulla spiaggia libera, a destra del Bora Bora e siamo rimaste lì per qualche ora. Un lasso di tempo sufficiente a conoscere piuttosto approfonditamente almeno 40 promoter, uomini e donne, per lo più italiani e inglesi, età media 22 anni, che ti propongono favolosi Boat Party open bar e open food, età media 18 anni. E tu ne hai 30.

Quindi, se avete voglia di rilassarvi un’ora senza che nessuno vi rompa i cojoni, Playa d’en Bossa (per lo meno la spiaggia libera) non è decisamente il posto per voi, perché dopo 30 minuti non ne potrete più di essere importunate ogni 5 minuti, e inizierete a trattare i promoter con lo stesso piglio che usate con gli insistenti pakistani delle rose.

Se andate a Playa d’en Bossa dovete sapere alcune cose, a parte la piaga dei promoter che comunque danno anche interessanti sconti o riduzioni, e tutto sommato sono lì a lavorare invece che stare all’Hard Rock pagati da papà. A Playa d’en Bossa ci saranno dei truzzi, ci saranno molte fighe con chiappe marmoree, ci saranno alcuni fattoni, ci saranno dei ragazzini. Vi anticipo anche che, quando sono andata io, c’era un piacevolissimo olezzo di uovo marcio misto fogna, non saprei dire, che arrivava a ondate, dritto dal mare.

Ma questo, per fortuna, in foto non si vede.

Playa d'en Bossa
Playa d’en Bossa

Da quelle parti, tuttavia, cioè procedendo oltre il Bora Bora, ci siamo imbattute – arrivando dalla spiaggia – in un posto di cui non ricordo assolutamente il nome, ma che era tipo così, dove abbiamo anche mangiato un ottimo pad thai. Mi rammarica ammetterlo, ma sono stata la prima a scegliere il pad thai e le altre mi hanno seguita a ruota (giustamente, perché mangiare altro, in Spagna, quando possiamo mangiare un piatto fusion che ci fa sentire a Milano).

Il posto in questione

Sto posto ha cuscini, dondoli, un repertorio musicale discutibile e soprattutto un omone di colore che per 35 ragionevolissimi euri ti fa il massaggio rilassante di 50 minuti alla ripa di mare. Confesso di averci pensato. Ma mi sarei sentita quasi come gli uomini che vanno a mignotte. E non l’ho fatto.

(intanto ho cercato il posto con Google, si chiama Mumak)

A seguire, andiamo a ballare all’Ushuaia. Quella sera suona Avicii, che non ho la più pallida idea di chi sia ma qualcuna delle altre dice che è figo.

In effetti la serata è bellissima. Ballare in infradito altrettanto.

La musica, la location, l’audio, la gente, il sole che tramonta sulla festa in piscina, l’aria è bella, ed è tutto così fico che quasi non ci pensi che stai spendendo 20 euro per un cazzo di cocktail. Il concept di base dell’Ushuaia è farti sentire a un’enorme festa in piscina a casa di quell’amico ricchissimo dei tuoi amici ricchissimi, dove sono tutti fichissimi (che è una cosa orrenda, per carità, ma non prendiamoci per il culo che Beverly Hills l’abbiamo visto tutti, in un’età in cui eravamo facilmente impressionabili).

E in qualche maniera è così, perché sei in un hotel, tra le camere di persone più fiche di te, che alloggiano lì. Non sei propriamente invitato, perché per entrare paghi 55 euro. E se ti guardi attentamente intorno puoi individuare un discreto numero di soggetti improbabili. Ma nulla di tutto questo conta. L’esperienza nel complesso è appagante. E se andate a Ibiza, all’Ushuaia ha senso andare.

una topa sospesa in un cerchio all'Ushuaia
una topa sospesa in un cerchio all’Ushuaia

A mezzanotte, a serata finita, io sono semi-paralizzata dal mal di schiena e dal mal di reni, perché ricordiamo al gentile pubblico che era comunque il mio primo giorno di ciclo. E io non ho più 20 anni!

4. Quarto giorno a Ibiza, abbiamo un solo obiettivo: Cala d’Hort.

Cala d'Hort

Un posto splendido, non saprei dire se il più bello di Ibiza, ma sicuramente uno dei.  E non solo perché l’insenatura abbraccia due specie di faraglioni, ma anche per l’atmosfera che vi si respira, in cui riescono tranquillamente a coesistere l’anima hippy dell’isola e un moderato turismo.

Accanto a noi c’erano due ragazze di Los Angeles che meditavano con le pietre e fumavano di qualità.

A un certo punto, è arrivato un vecchio hippy e si è fatto il bagno nudo. E tutti gli altri avevano il costume. E nessuno si è scomposto. E per chi se lo stesse chiedendo, il suo è l’unico uccello che io abbia visto a Ibiza.

Il ché comunque merita un momento di raccoglimento.

Guardiamo la giornata scorrere, dalle 12 alle 23, rifugiandoci sotto le palme del bar per un tinto de verano e mangiando la paella al ristorante El Carmen, quello a sinistra, guardando il mare.

Ecco, voi non fatelo.

Voi mangiate nell’altro, quello più piccolo, dove noi abbiamo preso solo il tinto de verano, quello centrale, che i piatti li avevamo visti passare ed erano pure invitanti.

Non fate come noi, che ci siamo fatte depistare dalla tassista (vi prego, voi prendete la macchina) che ci dice che El Carmen fa la paella più buona di Ibiza. E nemmeno dal fatto che fanno 25 tipi di paella diversa, che noi siamo abituati alla pluralità d’offerta, ci affascina.

Invece no, cazzo, è giusto mangiare dove di paelle ne fanno solo 2, se non solo 1, quella è, quella tradizionale, se non ti sta bene, vatti a mangiare una pizza a Playa d’en Bossa.

Considerate che una delle mie amiche ha vomitato dopo qualche ora (considerate pure che la mia amica è milanese e i milanesi hanno una specie di delicatezza digestivo-intestinale che noi, cresciuti a tielle di cozze al gratin, non comprenderemo mai davvero).

Fatto sta che a parte la paella demmerda, la serata è una di quelle che a 50 anni uno ripensa “madò com’eravamo giovani e belle”. Il posto incantevole, la compagnia deliziosa e, soprattutto, siamo come rigenerate, purificate, perché in quel posto non prende un cazzo e noi per 11 ore siamo tagliate fuori dalla civiltà.

Ma abbiamo assistito a tutto questo. E forse era da tanto che non stavamo ferme, a guardare la giornata scorrere e il cielo imbrunirsi, fino a diventar pesto.

Dopo il tramonto, sempre Cala d'Hort
Dopo il tramonto, sempre Cala d’Hort

Sappiate, infine, che se pensaste di tornare a Ibiza Città in taxi da Cala d’Hort, non è semplice. Infatti noi siamo tornate con un gentile cameriere romeno del ristorante ibizenco, che ci ha eroicamente tratte in salvo fino alla nostra magione. Al quale abbiamo dato 25 euro in nero di gratitudine.

Tornate a casa ci siamo docciate, due sono andate a dormire (quelle che, in viaggio, dormono e cagano senza problemi), mentre io e l’altra (le stitiche insonni) siamo salite sul terrazzo, e siamo rimaste a parlare un’infinità di tempo, e ho conosciuto tanti aspetti in più di una persona che non conoscevo abbastanza.

Ed è stato in verità molto figo fare l’alba a Ibiza a parlare su un tetto con una donna gagliarda, estremamente cinica ed estremamente pura, come se avesse questa corazza spessissima che serve a proteggere un nucleo intatto, nel quale conserva il suo stupore e la sua energia, la sua lealtà e la sua poetica. Ed era uno di quei dialoghi, come a volte ne faccio con le mie amiche, che ci starebbero di brutto in una piece teatrale.

5. Quinto giorno a Ibiza: make love, not war

La missione è ambiziosa. Serata al Pacha, tutta una tirata, poi si parte, il giorno dopo, senza dormire. Abbiamo 30 anni e per essere sicure di non rimanerci secche, decidiamo di abolire il mare, nonostante sia il nostro ultimo giorno. Ma capite, dobbiamo essere riposate per essere giovani.

In compenso, ci dedichiamo al nostro quotidiano giretto per i negozietti. E lì, facendo una cosa apparentemente sfigatissima come essere sveglia a Ibiza alle 11 di mattina, mi è successo di vedere un’Ibiza bellissima, che non avevo mai visto prima. Un’Ibiza fatta di stradine semi-vuote, silenziose, tutte addobbate a tema Flower Power, e numerose effigi di Mick Jagger, quando Mick Jagger era Dio, in giro.

Era come spiare quant’è bella Ibiza, quando dorme.

Ibiza dormiente
Ibiza dormiente

Lo stesso giorno saliamo a piedi in cima sulla Dalt Vila (sempre al fine ultimo di arrivare riposate e fresche al Flower Power, nonché di fare finalmente un po’ di fitness) e continuiamo ad amoreggiare con questa Ibiza di nicchia, essenzialmente deserta, assolutamente bellissima (ho fatto duemila foto che sono su Instagram e che qui vi risparmio). Quell’Ibiza speciale che nessuno vede (per forza, tutti gli altri sono a Playa d’en Bossa). Nota a latere: usate scarpe chiuse e comode se andate a farvi un giro su, su, su, proprio fino alla cattedrale, come dei veri turisti. Non infradito, come ho fatto io.

Poesia
uno scorcio qualunque

Infine, torniamo al porto per cena e mangiamo in un ristorante delizioso. Un posto ricco di suggestioni mediterranee, con un’atmosfera accogliente ma elegante, in una specie di giardino interno, con luci soffuse, tavoli in muratura decorati da maioliche e piante rampicanti che incorniciano il cielo sotto il quale si cena. Abbiamo cenato mangiando frittura di pesce, gamberoni arrostiti e orate al forno con patate e verdure. Per finire una crema catalana a metà, un caffè, l’ultimo bicchiere di bianco e chupito di hierbas gentilmente offerto dal cameriere spagnolo 25enne di notevole fichezza.

Ultima sera, come da progress, Flower Power al Pacha.

Per l’occasione, mi vesto di nero.

Schermata 2015-09-02 alle 00.03.04

A parte il mio non avere niente di flauah-pauah per andare al flauah-pauah, è una serata bellissima. Balliamo, cantiamo, ridiamo, parliamo, scriviamo numeri di telefono su fazzoletti di carta come nei telefilm degli anni novanta.

Scappiamo all’alba, dobbiamo andare in aeroporto a prendere il nostro volo easymerda che ci riporterà in Italia, senza dormire nemmeno 20 minuti, perché noi siamo giovani e facciamo after.

Arriviamo in aeroporto. Il nostro volo easymerda ha 5 ore di ritardo.

Quella che segue è l’ultima foto della mia vacanza, dalla quale si evince il livello di scoramento e afflizione. Bestemmio un po’ perché ho perso tutte le coincidenze e perderò un giorno a Milano prima di proseguire per l’Abruzzo.

Poi, finalmente, collasso sui sedili della sala d’aspetto.

Scoramento e Afflizione

FINE

Il resto delle ferie l’ho speso tra Abruzzo e Puglia.

…giornate impegnative, ma di quelle ne parleremo un’altra volta.

E comunque, ben ritrovati!

 

 

 

Quasi 29. Quindi quasi 30.

Sta arrivando il mio compleanno. Compirò 29 anni. Quasi 30.

Per portarmi avanti ho riflettutto su cosa cambia dai 20 ai 30.

1. IL LAVORO

A 20 anni sei sicura che diventerai una donna manager e che questo sarà fico. Avrai il tuo telefono aziendale, il tuo computer aziendale, la tua auto aziendale. Farai riunioni di lavoro, presentazioni, viaggi, telefonate in inglese. Guadagnerai più dei tuoi genitori che, non a caso, ti stanno facendo studiare. E, siccome sei brava, sicuramente riceverai le gratificazioni che meriti.

A 30 anni parli di quanto vorresti mandare a cagare tutto e trasferirti in provincia a coltivare l’orto. Di fatto lavori più dei tuoi genitori e guadagni meno. Ti scopri, talvolta, a detestare l’emancipazione femminile, di cui ti consideri una vittima. E, nei momenti più oscuri, arrivi a pensare che tuo padre avrebbe dovuto pagarti la liposuzione, invece dell’università. Oppure che, quando eri piccola, invece che lasciarti a scrivere poesie sul diario di Leonardo di Caprio, tua madre avrebbe dovuto obbligarti a fare un corso di, cazzonesò, danza hip hop. Così oggi saresti tonica e fidanzata con un bel calciatore del Bari. Frustrated Business Woman

 

2. GLI UOMINI

A 20 anni ti senti gagliarda. Sei giovane e libera di amare. Hai tutto il tempo per vivere relazioni assurde, per consumarti in passioni sbagliate, tanto è chiaro che arriverà lui, prima o poi, quello brillante e affascinante, chissà chi sarà, che tu lo amerai e che ti amerà, che ci crescerai insieme. Chissà cosa farà. Chissà in quale città vivrete. Non importa che tu sia fidanzata a 20 anni. Sicuramente non sarà lo stesso uomo quando ne avrai 30. Lo sai. Ma in ogni caso, chiunque egli sia, sarà un uomo fortunato, su questo non c’è dubbio. A 20 anni, di base, te la profumi.

A 30 anni se la profumano loro, gli uomini. Anche i cessi, quelli che al liceo non hanno mai visto un pelo pubico che non fosse il loro, pure quelli, si sono fatti crescere la barba e sono stati promossi al rango di “tipi”. Tu, nel frattempo, ti accorgi che i brillanti e gli affascinanti sono tipo l’aurora boreale, che quasi tutti i normali sono colonizzati dai progetti esistenziali di altre donne e che gli altri ti fanno preferire piuttosto l’idea di prendere un gatto. Ti rendi conto che probabilmente non avrai mai accanto un uomo come lo sognavi 10 anni prima. Te ne stai. Al massimo ti apri un blog in cui parli della vita da single.

3. COME STAI? I TUOI?

A 20 anni quando gli amici ti chiedono “Come stai?” vogliono essenzialmente sapere con chi stai ciulando in quel periodo, se ti piace, se ti ama più o meno di quanto lo ami tu. Quando ti chiedono “I tuoi?”, si riferiscono al fatto che ancora non hai dato l’esame di economia politica, oppure al fatto che te ne vuoi andare in vacanza ad Amsterdam con quel fattone che ti piace.

A 30 anni quando gli amici ti chiedono “Come stai?” intendono “Come va con il lavoro?”, anche nella versione “Hai trovato lavoro? Stai facendo colloqui?”. Talvolta, tuttavia, la domanda può anche significare: “Come stanno i tuoi 3 fibromi all’utero?”. Quando, invece, ti chiedono “I tuoi?”, stanno facendo riferimento a quell’artrosi, a quel glaucoma, a quell’ischemia, a quell’Alzheimer o a quel tumore (specie se sono di Taranto, città dove si fumano notoriamente troppe sigarette – cit).

4. L’ESTATE

A 20 anni l’estate inizia a metà luglio e finisce con la sessione di settembre.

A 30 anni quando gli amici ti chiedono “Che fai quest’estate?” intendono dire “Torni giù le due centrali di agosto?”, ammesso che il destinatario della domanda sia terrone. Nel caso in cui fosse nordico, la domanda starebbe per “In quale straordinariamente esotico viaggio, un-po’-mare-un-po’-avventura, ti cimenterai nelle due centrali di agosto?”

5. I SOLDI

A 20 anni lavori come promoter per 4 giorni e con la paga vai a farti una settimana a Barcellona a trovare il tuo amico in Erasmus.

A 30 anni lavori tutto l’anno e con la paga ci paghi le tasse, la casa, l’assicurazione della macchina, le visite mediche, l’idraulico e tutta un’altra serie di spese che arrivano fino alla carta igienica Scottex.

6. I VIAGGI

amnesiaweb2

A 20 anni vai a Ibiza, la sera esci all’1, torni alle 10 del mattino, vai a letto, ti svegli alle 17 e non vai al mare nemmeno una volta.

A 30 anni vai a Ibiza per incontrare la cultura hippy, scovare calette nascoste, cenare alle 20 con la paella e il vino bianco in riva al mare. A ballare ci vai un paio di volte per non sentirti vecchio. Comunque al Pacha. Lo schiuma party è solo un ricordo infernale di una gioventù incerta. E comunque in ferie hai anche bisogno di rilassarti e riposarti. Cazzo. L’anno prossimo, le terme.

7. SABATO SERA/CAPODANNO/FERRAGOSTO

A 20 anni il sabato sera è costituzionalmente proibito restare a casa. A capodanno bisogna festeggiare e ubriacarsi e scopare, che se no porta sfiga. Ma il meglio è ferragosto: che si fa la nottata in spiaggia, il bagno a mezzanotte, si beve, si limona stesi sugli asciugamani fradici dell’umido della notte e si torna a casa all’alba, morti di freddo, con i plaid addosso.

A 30 anni il sabato sera a casa nasconde un oscuro e incomparabile piacere. Capodanno ti ubriachi ugualmente ma all’1.30 collassi, dopo aver vomitato, e ti addormenti. A Ferragosto vai a una grigliata alla villa dei tuoi amici che si sposano l’anno prossimo.

8. IL GUSTO

A 20 anni abusi del cosiddetto fuck-me-outfit: indossi minigonne rasofica aderenti e tacchi a spillo 10 cm come se non ci fosse un domani. Sei inoltre capace di bere vodka comprata al discount, mischiata con una sottomarca della lemonsoda, che comunque è un passo avanti rispetto a quando bevevi la vodka alla frutta (preferibilmente “pesca” o “melone”).

A 30 anni anni non vuoi attirare particolarmente l’attenzione, allunghi le gonne, abbassi i tacchi o quanto meno eviti la combo da marciapiede. Soprattutto, la vodka deve essere Absolut.  

9. LA CURA DI Sé

A 20 anni mangi kebab, pizze, brioche con la nutella alle 5 del mattino senza alcuno scrupolo. L’unica crema che spalmi sul corpo è il doposole Coppertone, dopo un’ustione di terzo grado al sole di agosto. Piastri i capelli un giorno sì e l’altro pure, lamentandoti che sono troppi.

A 30 anni ti fai arrivare a casa la cassetta con le verdure di stagione, compri prodotti bio e limiti il consumo di carne. Usi lo scrub, la crema anticellulite, il contorno occhi, la mascherza una volta alla settimana, la crema idratante, la crema mani. Accendi una candela per ogni ciocca di capelli che perdi, pregando di non fare la fine di Sandro Mayer.

10. IL SESSO

A 20 anni il sesso può essere straordinario.

A 30 anni può persino migliorare.

***

Morale della favola:

Era quasi tutto meglio a 20 anni, se non fosse che ora conosco il mio punto G.

ps: non fatemi gli auguri in anticipo, che porta sfiga!